Astronomi fotografano il momento della nascita di nuovi pianeti, evento raro per l’osservazione scientifica

Immagine della NASA/JPL-Caltech

Affascinanti le immagini diffuse pubblicamente da un team internazionale di astronomi che è riuscito a catturare alcuni rari momenti della nascita di sistemi planetari separati da centinaia di anni luce l’uno dall’altro:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Nelle immagini [precedenti], le regioni vicine alla stella, dove si formano i pianeti rocciosi, sono coperte solo da pochi pixel“, ha affermato in una dichiarazione l’autore principale Jacques Kluska, del KU Leuven in Belgio. Le immagini – tra le prime a rivelare dettagli mai visti prima di questo genere di fenomeno naturale – mostrano le aree interne intorno alle giovani stelle dove i pianeti iniziano a prendere forma, accumulando materia da polvere e gas. I granelli di polvere si accumulano in rocce più grandi, alcune delle quali alla fine crescono in interi pianeti rocciosi. “Avevamo bisogno di visualizzare questi dettagli per essere in grado di identificare schemi che potrebbero tradire la formazione dei pianeti e per caratterizzare le proprietà dei dischi“, ha detto Kluska.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I ricercatori hanno dovuto utilizzare una tecnica di imaging relativamente nuova chiamata interferometria a infrarossi presso l’European Southern Observatory (ESO) in Cile per acquisire le immagini. La tecnica non produce un’immagine direttamente ma consente di ricostruirla:

Utilizzando modelli matematici, non diversamente dal modo in cui sono state create le prime immagini di un buco nero, il team è stato in grado di separare i dischi dalla luce emessa dalla stella stessa. Il livello di dettaglio delle nuove immagini è sorprendente. “Distinguere dettagli alla scala delle orbite di pianeti rocciosi come la Terra o Giove (come puoi vedere nelle immagini) — una frazione della distanza Terra-Sole — equivale a poter vedere un essere umano sulla Luna, o a distinguere un capello a una distanza di 10 km”, ha spiegato nella dichiarazione Jean-Philippe Berger, ricercatore principale dell’Université Grenoble-Alpes, in Francia. Quindi cosa hanno finito per vedere nelle nuove immagini? Macchie di luce più luminose e più scure potrebbero essere un segno che “potrebbero esserci instabilità nel disco che possono portare a vortici in cui il disco accumula granelli di polvere spaziale che possono crescere ed evolversi in un pianeta, secondo Kluska.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Lo studio pubblicato qui:

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://www.eurekalert.org/news-releases/693654

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.