Cosa è la Swift e perché l’Occidente ha paura di usarla contro la Russia

La Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication (SWIFT), legalmente SWIFT SCRL, è una società cooperativa belga che funge da intermediario ed esecutore di transazioni finanziarie tra banche di tutto il mondo. Vende anche software e servizi a istituzioni finanziarie, principalmente per l’uso sui suoi “SWIFTNet” proprietari e codici di identificazione aziendale (BIC) ISO 9362 , popolarmente noti come “codici SWIFT“. Swift Transfer è anche chiamato International Money Transfer:

SWIFT non facilita il trasferimento di fondi: invia piuttosto gli ordini di pagamento, che devono essere regolati dai conti di corrispondenza che le istituzioni hanno tra loro. Per scambiare transazioni bancarie, ogni istituto finanziario deve avere una relazione bancaria essendo legalmente organizzato come banca o attraverso la sua affiliazione con almeno una banca. Sebbene SWIFT trasporti i messaggi finanziari in modo sicuro, non tiene conti per i suoi membri; né effettua alcuna forma di compensazione o regolamento. Nel 2018, circa la metà di tutti i pagamenti transfrontalieri di importo elevato in tutto il mondo utilizzava la rete SWIFT e nel 2015 SWIFT ha collegato più di 11.000 istituzioni finanziarie in oltre 200 paesi e territori, che scambiavano in media oltre 32 milioni di messaggi al giorno (contro una media di 2,4 milioni di messaggi giornalieri nel 1995).

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sebbene ampiamente utilizzato, SWIFT è stato criticato per la sua inefficienza. Nel 2018, il Financial Times con sede a Londra ha osservato che i trasferimenti spesso “passano attraverso più banche prima di raggiungere la loro destinazione finale, il che li rende dispendiosi in termini di tempo, costosi e privi di trasparenza su quanto denaro arriverà dall’altra parte”. Da allora SWIFT ha introdotto un servizio migliorato chiamato “Global Payments Innovation” (GPI), sostenendo che era stato adottato da 165 banche e che stava completando metà dei pagamenti in 30 minuti. In quanto società cooperativa di diritto belga , SWIFT è di proprietà degli istituti finanziari membri. Ha sede a La Hulpe , in Belgio, vicino a Bruxelles ; il suo edificio principale è stato progettato da Ricardo Bofill Taller de Arquitectura e completato nel 1989. Il presidente di SWIFT è Yawar Shah del Pakistan e il suo CEO è Javier Pérez-Tasso della Spagna. SWIFT ospita una conferenza annuale, chiamata Sibos , specificamente rivolta al settore dei servizi finanziari.

- Prosegue dopo la pubblicità -

SWIFT è stata fondata a Bruxelles il 3 maggio 1973 sotto la guida del suo CEO inaugurale, Carl Reuterskiöld (1973–1989), ed è stata supportata da 239 banche in 15 paesi. Prima della sua istituzione, le transazioni finanziarie internazionali venivano comunicate tramite Telex , un sistema pubblico che prevedeva la scrittura e la lettura manuale dei messaggi. È stato istituito per paura di ciò che potrebbe accadere se un’unica entità privata e completamente americana controllasse i flussi finanziari globali, che prima era la First National City Bank(FNCB) di New York – poi Citibank. In risposta al protocollo di FNCB, i concorrenti di FNCB negli Stati Uniti e in Europa hanno spinto un “sistema di messaggistica alternativo che potrebbe sostituire i fornitori pubblici e accelerare il processo di pagamento”. SWIFT ha iniziato a stabilire standard comuni per le transazioni finanziarie e un sistema di elaborazione dati condiviso e una rete di comunicazione mondiale progettata da Logica e sviluppata dalla Burroughs Corporation. Le procedure operative e le regole di responsabilità fondamentali sono state stabilite nel 1975 e il primo messaggio è stato inviato nel 1977. Il primo centro operativo internazionale (non europeo) di SWIFT è stato inaugurato dal governatore John N. Daltondella Virginia nel 1979.

Coinvolgimento del governo degli Stati Uniti – Programma di monitoraggio delle finanze dei terroristi:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Una serie di articoli pubblicati il ​​23 giugno 2006 sul New York Times , sul Wall Street Journal e sul Los Angeles Times hanno rivelato un programma, chiamato Terrorist Finance Tracking Program , che il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti , la Central Intelligence Agency (CIA) e altre agenzie governative degli Stati Uniti hanno avviato dopo gli attacchi dell’11 settembre per ottenere l’accesso al database delle transazioni SWIFT. Dopo la pubblicazione di questi articoli, SWIFT ha subito pressioni per aver compromesso la privacy dei dati dei suoi clienti consentendo ai governi di accedere a informazioni personali sensibili. Nel settembre 2006, il governo belga ha dichiarato che questi rapporti SWIFT con le autorità governative americane costituivano una violazione delle leggi sulla privacy belghe ed europee. In risposta, e per soddisfare le preoccupazioni dei membri sulla privacy, SWIFT ha avviato un processo di miglioramento della propria architettura implementando un’architettura distribuita con un modello a due zone per l’archiviazione dei messaggi (vedi Centri operativi ).

- Prosegue dopo la pubblicità -

Contemporaneamente, l’Unione Europea ha negoziato un accordo con il governo degli Stati Uniti per consentire il trasferimento di informazioni sulle transazioni SWIFT intra-UE negli Stati Uniti in determinate circostanze. A causa delle preoccupazioni circa il suo potenziale contenuto, il Parlamento europeo ha adottato una presa di posizione nel settembre 2009, chiedendo di vedere il testo completo dell’accordo e chiedendo che sia pienamente conforme alla legislazione dell’UE sulla privacy, con meccanismi di controllo predisposti per garantire che tutte le richieste di dati sono stati gestiti in modo appropriato. Un accordo interinale è stato firmato senza l’approvazione del Parlamento europeo dal Consiglio europeo il 30 novembre 2009, il giorno prima dellaIl Trattato di Lisbona, che avrebbe vietato la firma di tale accordo ai sensi della procedura di codecisione, è entrato formalmente in vigore. Nonostante l’entrata in vigore dell’accordo interinale fosse prevista per il 1° gennaio 2010, il testo dell’accordo è stato classificato come “EU Restricted” fino a quando le traduzioni non saranno state fornite in tutte le lingue dell’UE e pubblicate il 25 gennaio 2010.

L’11 febbraio 2010 il Parlamento europeo ha deciso di respingere l’accordo interinale tra l’UE e gli Stati Uniti con 378 voti favorevoli e 196 contrari. Una settimana prima, la commissione per le libertà civili del parlamento aveva già respinto l’accordo, adducendo riserve legali. Nel marzo 2011 è stato riferito che due meccanismi di protezione dei dati erano falliti: EUROPOL ha pubblicato un rapporto in cui lamentava che le richieste di informazioni da parte degli Stati Uniti erano state troppo vaghe (rendendo impossibile esprimere giudizi sulla validità) e che il diritto garantito per i cittadini europei di sapere se le loro informazioni erano state consultate dalle autorità statunitensi non erano state messe in pratica.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sanzioni contro l’Iran:

Nel gennaio 2012, il gruppo di difesa United Against Nuclear Iran (UANI) ha attuato una campagna chiedendo a SWIFT di porre fine a tutte le relazioni con il sistema bancario iraniano, inclusa la Banca centrale iraniana . L’UANI ha affermato che l’appartenenza dell’Iran a SWIFT ha violato le sanzioni finanziarie statunitensi e dell’UE contro l’Iran, nonché le regole aziendali di SWIFT. Di conseguenza, nel febbraio 2012, la commissione bancaria del Senato degli Stati Uniti ha approvato all’unanimità sanzioni contro SWIFT volte a spingerla a porre fine ai suoi legami con le banche iraniane nella lista nera. L’espulsione delle banche iraniane da SWIFT potrebbe potenzialmente negare all’Iran l’accesso a miliardi di dollari di entrate utilizzando SWIFT ma non dall’utilizzo dell’IVTS . Mark Wallace , presidente dell’UANI, ha elogiato la commissione bancaria del Senato.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Inizialmente SWIFT ha negato di agire illegalmente, ma in seguito ha affermato che “sta lavorando con i governi statunitense ed europeo per rispondere alle loro preoccupazioni sul fatto che i suoi servizi finanziari vengano utilizzati dall’Iran per evitare sanzioni e condurre affari illeciti”. Le banche prese di mira sarebbero, tra le altre , la Saderat Bank of Iran, la Bank Mellat , la Post Bank of Iran e la Sepah Bank. Il 17 marzo 2012, a seguito dell’accordo di due giorni prima tra tutti i 27 Stati membri del Consiglio dell’Unione Europeae la successiva sentenza del Consiglio, SWIFT ha disconnesso tutte le banche iraniane che erano state identificate come istituzioni in violazione delle attuali sanzioni dell’UE dalla sua rete internazionale e ha avvertito che ancora più istituzioni finanziarie iraniane potrebbero essere disconnesse dalla rete. Nel febbraio 2016, la maggior parte delle banche iraniane si è ricollegata alla rete a seguito dell’abolizione delle sanzioni dovute al Piano d’azione globale congiunto.

Controllo statunitense sulle transazioni all’interno dell’UE:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il 26 febbraio 2012 il quotidiano danese Berlingske ha riferito che le autorità statunitensi hanno un controllo sufficiente su SWIFT per sequestrare il denaro trasferito tra due paesi dell’Unione Europea (UE) (Danimarca e Germania), poiché sono riuscite a sequestrare circa $ 26.000 che veniva trasferito da un danese uomo d’affari a una banca tedesca. La transazione è stata automaticamente instradata attraverso gli Stati Uniti, probabilmente a causa della valuta USD utilizzata nella transazione, ed è così che gli Stati Uniti sono stati in grado di sequestrare i fondi. Il denaro era un pagamento per un lotto di sigari cubani precedentemente importati in Germania da un fornitore tedesco. Come giustificazione per il sequestro, il Tesoro degli Stati Uniti ha dichiarato che l’uomo d’affari danese aveva violato l’ embargo degli Stati Uniti contro Cuba.

Monitoraggio da parte della NSA:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Der Spiegel ha riferito nel settembre 2013 che la National Security Agency (NSA) monitora ampiamente le transazioni bancarie tramite SWIFT, nonché le transazioni con carta di credito. La NSA ha intercettato e conservato i dati dalla rete SWIFT utilizzata da migliaia di banche per inviare in modo sicuro le informazioni sulle transazioni. SWIFT è stato nominato come un “bersaglio”, secondo i documenti trapelati da Edward Snowden . I documenti hanno rivelato che la NSA spiava SWIFT utilizzando una varietà di metodi, inclusa la lettura del “traffico di stampanti SWIFT da numerose banche”.Nell’aprile 2017, un gruppo noto come Shadow Brokers ha rilasciato file presumibilmente dalla NSA che indicano che l’agenzia ha monitorato le transazioni finanziarie effettuate tramite SWIFT.

Lo Swift utilizzato come “arma economica” nelle sanzioni internazionali? Ecco perché l’Occidente non è convinto di utilizzarlo contro la Russia:

- Prosegue dopo la pubblicità -

SWIFT aveva disconnesso tutte le banche iraniane dalla sua rete internazionale come sanzione contro l’Iran . Tuttavia, a partire dal 2016, le banche iraniane che non sono più negli elenchi delle sanzioni internazionali sono state ricollegate a SWIFT. Anche se ciò consente il movimento di denaro da e verso queste banche iraniane, le banche estere rimangono diffidenti nel fare affari con il paese. A causa delle sanzioni primarie, le transazioni delle banche statunitensi con l’Iran o le transazioni in dollari statunitensi con l’Iran rimangono entrambe vietate. Allo stesso modo, nell’agosto 2014 il Regno Unito ha pianificato di fare pressioni sull’UE per bloccare l’uso russo di SWIFT come sanzione a causa dell’intervento militare russo in Ucraina. Tuttavia, SWIFT ha rifiutato di farlo. ​​SPFS , un equivalente SWIFT con sede in Russia, è stato creato dalla Banca centrale russa come misura di riserva. Durante la crisi russo-ucraina del 2021-2022 , gli Stati Uniti hanno sviluppato possibili sanzioni preliminari contro la Russia, ma hanno escluso il divieto della Russia da SWIFT. Dopo l’invasione russa dell’Ucraina nel 2022, i ministri degli esteri degli stati balticiha chiesto che la Russia venisse tagliata fuori da SWIFT. Tuttavia, altri Stati membri dell’UE erano riluttanti, sia perché i prestatori europei detenevano la maggior parte dei quasi 30 miliardi di dollari di esposizione delle banche estere alla Russia, sia perché la Russia aveva sviluppato l’alternativa SPFS. Nel 2014, SWIFT ha respinto le richieste di attivisti filo-palestinesi di revocare l’accesso delle banche israeliane alla sua rete. Altri motivi per cui all’occidente non converrebbe mettere al bando lo Swift per la Russia:

Anche in questo caso, c’è di mezzo l’energia: con una mossa del genere, verrebbero congelate le transazioni con la Russia cui l’Occidente, comprando gas e petrolio da Mosca al ritmo di 700 milioni di dollari al giorno, a tutt’oggi sta finanziando l’invasione dell’Ucraina. Lo ha detto lo stesso presidente degli Stati Uniti d’America Joe Biden poche ore fa: “il nostro pacchetto di sanzioni è stato fatto in modo da permettere che continuino i pagamento di energia”. Al contempo, la Banca di Russia potrebbe individuare una soluzione alternativa con la Cina (che sta già lavorando allo yuan digitale) anche mediante l’utilizzo di tecnologie di cripto-valute.

Fonti:

https://en.wikipedia.org/wiki/SWIFT

- Prosegue dopo la pubblicità -

https://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2022/02/25/cose-swift-larma-che-loccidente-ha-paura-di-usare_bdaa0215-b909-441e-a550-613d63245236.html

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.