Ecco perchè nel 2020 ci sono stati più di mezzo milione di nuovi vegani in Messico

Il veganismo è cresciuto in Messico come mai prima d’ora nella storia del paese. È uno stile di vita che offre molti benefici, che vanno dal miglioramento dell’umore al miglioramento del sistema immunitario. Ma cosa ha spinto i messicani a smettere di consumare cibi di origine animale? Praticare il veganismo non è la stessa cosa che essere vegetariani. Poiché essere vegani è uno stile di vita e ci sono vari incredibili piani alimentari che miglioreranno significativamente la salute.

Perché il veganismo sta crescendo in Messico? Million Dollar Vegan è un’organizzazione internazionale che ha realizzato la campagna #QuitemosLasPandemiasDelMenu. Con l’obiettivo di promuovere i benefici per la salute del veganismo e della nutrizione a base vegetale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

All’interno della pagina dell’organizzazione, in Messico per l’anno 2020, sono state registrate circa 1.500 persone che hanno voluto provare il veganismo . Di cui una quota superiore al 40% sono donne. Per quanto riguarda la fascia di età, i più interessati al veganismo erano i giovani tra i 18 e i 35 anni. Segue la fascia di età dai 35 ai 55 anni. I motivi principali per cui le persone erano interessate al veganismo sono l’ambiente, gli animali e le ragioni di salute. L’organizzazione sottolinea che sono state registrate persone provenienti da più di 110 città del Messico. Tra questi ci sono Puebla, Città del Messico, Monterrey, Guadalajara e Playa del Carmen.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Cibo e veganismo
Coloro che scelgono il veganismo sono caratterizzati dall’astenersi dal consumo di carne e di qualsiasi alimento di origine animale. I prodotti lattiero-caseari e tutti i loro derivati ​​sono inclusi in una categoria come questa. Così come le uova e tutti i tipi di prodotti di origine animale, come il miele. Pianificare la dieta vegana è essenziale. Questo per evitare che le persone soffrano di un deficit di vitamine B12, zinco, vitamina D e calcio seguendolo rigorosamente. Recenti ricerche scientifiche hanno dimostrato che, fintanto che è ben strutturata e pianificata, la dieta vegana di solito contiene molti nutrienti. Come fibre, acido folico, vitamine C ed E, ferro e magnesio. Questa dieta è caratterizzata dall’avere un indice calorico più basso. Ma anche altri tipi di nutrienti come colesterolo, grassi insaturi e acidi grassi omega 3. Oltre ad elementi di grande importanza come calcio, vitamina B12 e vitamina D.

Un’occasione per cambiare dieta
Attraverso la suddetta campagna è stato possibile garantire cibi più sani. Che siano privi di agrofarmaci e sfruttamento animale. Essere gentili con l’ambiente e sono più economici per quelle persone che si trovano in situazioni più vulnerabili. Allo stesso modo, tutte le azioni che sono state realizzate nel 2020 sono state accompagnate da informazioni su quanto sia importante mettere in discussione le abitudini di consumo. Ma anche i motivi per cui una dieta a base vegetale è considerata molto più favorevole e gli strumenti per consentire di replicare tale dieta.

- Prosegue dopo la pubblicità -

A parte questo, si è principalmente approfondito come un mangime con queste caratteristiche sia più accessibile ed economico rispetto a un mangime per animali. Il manager della campagna in Messico sottolinea che la promozione del veganismo mira a sensibilizzare su vari temi. Come, ad esempio, la sofferenza degli animali, l’impatto ambientale, l’insorgere di pandemie e l’assistenza sanitaria nella popolazione.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Quali sono i vantaggi del veganismo?
Seguire una dieta vegana significa non consumare alcun prodotto di origine animale. Ora, la società vegana ha definito il veganismo uno stile di vita. Dove si vuole escludere lo sfruttamento e la crudeltà verso gli animali per ottenere prodotti. Con questo in mente, i seguenti sono alcuni dei vantaggi di seguire una dieta vegana. Vari studi hanno riportato che seguire una dieta vegana fornisce adeguate quantità di nutrienti. È risaputo che una dieta vegana è ricca di nutrienti essenziali, ma in assenza di carne è di grande importanza garantire che l’assunzione di proteine ​​sia proseguita in altri modi.

Le proteine ​​sono composte da tre parti conosciute come amminoacidi. Questi sono un grande aiuto per il metabolismo e mantengono sani muscoli, organi e pelle. Le opzioni proteiche vegane includono burro di arachidi, noci, legumi, cereali e semi. Il ferro rappresenta un altro dei nutrienti chiave e svolge un ruolo molto importante nella produzione dei globuli rossi. Che hanno la funzione di trasportare l’ossigeno in tutto il corpo. Eccellenti fonti di ferro includono broccoli, fagioli, tofu, uvetta e grano.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Poiché la dieta vegana contiene meno grassi saturi, è stato dimostrato che questa dieta riduce il rischio di malattie cardiache. Oltre a questo, altri dati affermano che vegani e vegetariani soffrono di meno malattie causate da una moderna dieta occidentale. Quelle malattie trasmesse da cibo, parassiti, batteri e tossine chimiche sono più comuni nelle carni commerciali, nei frutti di mare e nel pollame. Rispetto a quegli alimenti di origine vegetale, in particolare frutta e verdura biologica. I vegani consumano anche cibi meno trasformati, evitando sicuramente alcune malattie.

La ricerca è stata in grado di rivelare che le persone che seguono una dieta vegana possono essere molto più felici. Inoltre, sia i vegetariani che i vegani hanno punteggi più alti nei test di depressione. Come nei profili dell’umore, rispetto ai carnivori. C’è un elemento di freschezza nella maggior parte dei piatti a base vegetale. Soprattutto quando si tratta di prodotti biologici. Pertanto, questo è qualcosa che purifica la mente e mantiene i pensieri positivi. Una dieta vegana, oltre a svolgere il suo ruolo nel ridurre il rischio di alcune malattie, può anche aiutare a ridurre gli attacchi di emicrania. Le emicranie sono spesso legate alla dieta e quindi il cibo è un fattore scatenante comune. Alimenti come formaggio e cioccolato sono alcuni dei colpevoli più comuni. Mangiare diete vegane, in particolare quelle biologiche, è più puro e ha meno probabilità di scatenare attacchi di emicrania.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Mentre la maggior parte delle persone attive si concentra sul consumo di proteine, più atleti seguono diete vegetariane o vegane ricche di carboidrati. Oltre che ricco di vitamine, minerali e grassi, per ottenere una migliore prestazione sportiva. Ci sono alcuni studi che sono contrastanti. Tuttavia, il numero di atleti vegani di livello mondiale continua ad aumentare. Seguire una dieta a base vegetale è molto meglio per il pianeta. Questo perché ci vuole meno energia e meno terreni agricoli per sfamare i vegani. La produzione di carne e altri tipi di prodotti animali rappresenta un onere maggiore per l’ambiente. Che va dalle colture e dall’acqua necessarie per nutrire gli animali, al trasporto e tutti i tipi di lavorazioni che vanno dalla fattoria alla tavola. L’enorme quantità di cereali necessari per produrre carne è uno dei fattori che contribuiscono alla deforestazione. Ma contribuisce anche all’estinzione delle specie e alla perdita di habitat. La protezione dell’ambiente genera benefici per tutti e il veganismo genera sicuramente un impatto positivo sull’ambiente.

Uno dei vantaggi di una dieta vegana è l’effetto positivo che ha sul peso corporeo. I vegani generalmente pesano meno e non sono obesi. Questo è il risultato di una dieta composta da meno calorie sotto forma di legumi, cereali, semi, ortaggi e frutta. I vegani sono anche più consapevoli di quali cibi sono sani e, per questo motivo, mangiano molto meglio. Tenendo presente che le verdure sono generalmente più facili da digerire. Con conseguente migliore aspetto fisico e assenza di sovrappeso. Le persone che hanno deciso di seguire una dieta vegana tendono ad avere meno degenerazione muscolare e una vista migliore. Tutta la vitamina C in più, così come il collagene, si traduce in una pelle carnosa e sana.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ormoni come gli estrogeni possono essere responsabili della presenza di cancro al seno se i loro livelli sono molto eccessivi. C’è uno studio che ha scoperto che i livelli di estrogeni potrebbero essere aumentati con il consumo di grassi animali. Ciò significa che i vegani hanno livelli di estrogeni più bassi rispetto a quelli che mangiano carne. In parte è dovuto alla bassa quantità di grassi che consumano nella loro dieta. Inoltre, hanno più di alcune molecole portatrici note come globuline, che si legano agli ormoni sessuali. Mantenendoli inattivi fino a quando non sono necessari.

Fonte: bioguia.com

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.