Potente terremoto di magnitudo 7.3 in Oceania ma non è il più forte della storia del territorio

Un terremoto di magnitudo 7,3 è stato registrato vicino a una remota isola australiana: lo conferma il Bureau of Meteorology che ha segnalato il terremoto vicino all’isola di Macquarie nell’Oceano Pacifico sudoccidentale alle 20:49 di giovedì 19 maggio 2022:

https://content.api.news

Il terremoto si è verificato a una profondità di 29,3 km con il territorio australiano situato a sud della Nuova Zelanda per un breve periodo di allerta tsunami, ma questo è stato revocato entro le 22:00. Il sisma è stato registrato anche dall’US Geological Survey. Situata a 1.600 km a sud est della Tasmania, l’isola di Macquarie ospita la stazione della Australian Antarctic Division, che è occupata tutto l’anno. È stato inserito nell’elenco del patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 1997 ed è un rifugio per grandi colonie di pinguini e foche. L’isola è particolarmente attiva in termini di attività sismica, situata al confine tra la placca australiana e la placca pacifica. L’isola fu colpita persino da un terremoto di magnitudo 8,2 nel 1989, il più grande terremoto intra-oceanico del 20° secolo e ha anche registrato un terremoto di magnitudo 8,1 nel 2004. Nel dicembre del 2021, sull’isola è stato registrato un terremoto di magnitudo 6,6. Il Dipartimento federale australiano dell’agricoltura, dell’acqua e dell’ambiente sta attualmente valutando la modernizzazione della stazione di ricerca antartica. Secondo altre fonti, il terremoto registrato a maggio 2022 sarebbe stato “solo” di magnitudo 6.9:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

La stazione si trova su una parte bassa di terra che collega due parti dell’isola. Mentre il governo vuole ristrutturare il sito esistente, i ricercatori hanno espresso preoccupazione per il rischio di tsunami. Il professore emerito presso l’Istituto per gli studi marini e antartici dell‘Università della Tasmania e il professore di geofisico marino Mike Coffin hanno affermato che la stazione dovrebbe essere spostata su un terreno più alto. Ha affermato che ciò mitigherebbe il rischio non solo degli tsunami, ma anche delle frane sottomarine.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.