8 prodotti che non vorrai più ricomprare dopo aver saputo cosa contengono

Vuoi davvero leggere questo? Pensaci bene, perché quando finirai l’ultimo paragrafo, potresti non tornare a consumare certe cose che trovi deliziose o che riportano alla mente ricordi profondi. Però d’altro canto potresti scoprire cose davvero interessanti a riguardo! La produzione in un mondo globalizzato deve trovare un modo per fare di più con meno e, a volte, ciò significa utilizzare sostanze chimiche tossiche o prodotti artificiali che consentano a qualcosa che marcirebbe in due giorni di durare fino a un anno. O anche sostanze che ci farebbero venire la nausea al solo pensiero di poterle mangiare.

Un esempio è il cioccolato. Sappiamo tutti che il cacao è necessario per la sua produzione, ma la realtà è che la maggior parte del pianeta non ha mai mangiato vero cioccolato, bensì prodotti di bassa qualità con aromi artificiali. Hai ancora tempo per chiudere la pagina e continuare con la tua vita normale, giusto? Va bene, ti carichiamo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

MARSHMALLOWS
Marshmellow è il suo nome in inglese, per via dell’estratto che veniva utilizzato in passato per creare questi soffici cioccolatini che, pur sapendo che sono molto zuccherini e non fanno bene alla salute, fanno parte della nostra immaginazione e mangiarne uno ogni tanto è delizioso. Peccato che i giorni in cui si usava il “marshmallow” per farli sono finiti e ora parte di ciò che compone un marshmallow è una gelatina che deriva dalla bollitura degli scarti di pelle e ossa di mucche e maiali rimasti dagli scarti di carne .

- Prosegue dopo la pubblicità -

TORTA DI MELE INDUSTRIALE
Cuocere una torta è un piacere, ma a volte preferiamo andare in un fast food e per dessert avere uno di quei pacchetti individuali pieni di qualcosa che speriamo sia la mela. Il modo in cui sono fatte quelle torte, a parte l’aroma artificiale e alcune mele vere, è con qualcosa chiamato cistina, creato da piume di uccelli e peli di bovino , alcuni dicono addirittura che i capelli umani siano usati nel processo.

GELATO ALLA VANIGLIA
Il delizioso profumo di vaniglia spesso ci ricorda il passato, la nostra infanzia e quei gelati che amavamo mangiare in una giornata calda. La cosa brutta di quei ricordi è che se mangiavi il gelato alla vaniglia da una gelateria industriale, sicuramente quello che percepivi era qualcosa chiamato castoreum , una secrezione delle ghiandole anali del castoro che veniva usata anche in profumeria.

- Prosegue dopo la pubblicità -

BIRRA
Nonostante i birrifici come la Guinness abbiano già completamente eliminato la colla di pesce come parte del processo per realizzare una delle bevande più deliziose al mondo, c’è chi continua a utilizzare il prodotto che proviene dalla vescica di un piccolo pesce . Questo è ciò che ha inorridito molti vegani nell’apprendere che hanno bevuto ingenuamente un derivato animale per anni senza saperlo. Il collagene concentrato nella colla di pesce è necessario per il lievito in molte birre, soprattutto artigianali.

- Prosegue dopo la pubblicità -

CONFETTINI INDUSTRIALI
Questi dolci utilizzano molti coloranti artificiali, ma il rosso ha una particolarità, è creato dall’estratto di carminio, che si ottiene schiacciando insetti di quel colore esatto che, mescolato con l’acqua, ne consente l’uso industriale.

GOMMA DA MASTICARE
La gomma da masticare è con noi da molto tempo, ma in passato veniva utilizzata la foglia di coca, che viene utilizzata per la produzione di cocaina. Per sostituirlo vengono utilizzate centinaia di sostanze chimiche che, una volta messe insieme, servono a fare due cose, masticare gomma e gomma , quindi la prossima volta che vedrai dei giocattoli di gomma, ti consigliamo di pensare se metteresti anche quello in bocca .

- Prosegue dopo la pubblicità -

RED BULL
L’energia che ti dà la bevanda energetica proviene dalla taurina sintetica che può causare ictus, emicrania e stress. Tuttavia c’è qualcosa di peggio, utilizza anche l’ aspartame , un dolcificante non calorico che potrebbe essere responsabile della leucemia.

SHAMPOO
Ci sono alcuni prodotti per capelli che cercano di essere molto migliori di altri e, cercando di essere più organici ed efficienti, sostituiscono le proteine ​​ottenute dalle uova e dalle piante a quelle del seme di toro, una moda nata nei saloni di bellezza della Gran Bretagna e diffuso in tutto il mondo, e ciò sembra essere piuttosto controproducente per l’effetto che volevano davvero ottenere.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Puoi sempre trovare alternative biologiche e locali per quei prodotti, ma sicuramente puoi dire addio a quelli realizzati dalle grandi industrie che cercheranno sempre il modo più economico per darti qualcosa.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.