Liberata da 1.000 anni di sporcizia, la croce anglosassone emerge con dettagli sorprendenti

Nel 2014, il cacciatore di tesori dilettante Derek McLennan stava perlustrando un campo nel sud-ovest della Scozia quando dissotterrò quello che sembrava essere un pezzo d’argento decorato con un disegno anglosassone. “Sono rimasto scioccato, le endorfine hanno inondato il mio sistema e sono andato inciampando verso i miei colleghi agitandolo in aria”, ha riferito all’epoca l’uomo d’affari in pensione alla BBC News. A quanto pare, il raro manufatto che attirò l’attenzione di McLennan era solo la punta di un iceberg archeologico:

I curatori hanno utilizzato uno strumento improvvisato fatto di penna di porcospino per pulire delicatamente la croce, che presenta incisioni dei quattro evangelisti. Museo nazionale scozzese

Lui e due amici si erano imbattuti in un tesoro di oltre 100 oggetti d’oro e d’argento, uno dei più grandi tesori di manufatti dell’era vichinga mai visti. trovato nel Regno UnitoIl National Museums Scotland ha acquisito il Galloway Hoard, come è diventato noto, nel 2017. Da allora, i conservatori hanno lavorato per pulire e restaurare gli oggetti, che sono rimasti tutti sepolti per più di 1.000 anni nel campo scozzese. Questa settimana, il Museo Nazionale della Scozia (NMS) ha pubblicato nuove immagini dell’ultimo oggetto sottoposto a conservazione: una croce anglosassone finemente decorata. Dopo un millennio sottoterra, la croce era incrostata di terra. Avvolto in una corda d’argento arrotolata fatta di filo avvolto attorno a un nucleo di budello di animale, si è rivelato difficile da pulire. Improvvisando, i conservatori si sono rivolti a una penna di porcospino intagliata, uno strumento “abbastanza affilato da rimuovere lo sporco ma abbastanza morbido da non danneggiare la struttura metallica”, secondo una dichiarazione. La pulitura ha rivelato le decorazioni ornate della croce di niello nero , o lega metallica, e foglia d’oro. Come riporta Alan Young per lo Scotsman , su ogni braccio dell’oggetto è impressa un’intricata incisione di uno dei quattro scrittori evangelici del Nuovo Testamento cristiano: San Matteo come essere umano, San Marco come leone, San Luca come vitello e San Giovanni come un’aquila.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“La croce pettorale, con la sua sottile decorazione di simboli e foglie degli evangelisti, scintillanti intarsi in oro e nero e la sua catena delicatamente arrotolata, è un eccezionale esempio dell’arte orafa anglosassone”, afferma Leslie Webster , ex curatrice della mostra Britain, prehistory. e l’Europa al British Museum, nel comunicato. “Le croci anglosassoni di questo tipo sono eccezionalmente rare, e solo un’altra, molto meno elaborata, è conosciuta del IX secolo”, continua. “La scoperta di questa croce pendente, in un contesto così straordinario, è di grande importanza per lo studio del lavoro degli orafi del primo medioevo e per la nostra comprensione delle interazioni vichinghe e anglosassoni in questo periodo turbolento.” Gli archeologi pensano che qualcuno abbia seppellito la croce, oltre al resto del tesoro, nel IX secolo d.C. Martin Goldberg, il principale curatore di NMS delle collezioni altomedievali e vichinghe, dice a Dalya Alberge dell’Observer che il pezzo elaborato probabilmente apparteneva a un chierico o re di alto rango. La catena ora avvolta strettamente attorno alla croce un tempo sarebbe stata sospesa al collo di chi la indossava, dice Goldberg.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Si potrebbe quasi immaginare che qualcuno glielo tolga dal collo e lo avvolga attorno alla catena per seppellirlo nel terreno“, aggiunge il curatore. “Ha quel tipo di tocco personale.” Goldberg sospetta che la croce sia stata rubata durante un’incursione vichinga. “Immaginiamo che molti tesori ecclesiastici siano stati derubati dei monasteri: questo è ciò che ci descrive la documentazione storica dell’epoca vichinga“, dice all’Observer . “Questo è uno dei [sopravvissuti].” Per coloro che possono visitarla di persona, la croce sarà esposta al pubblico al Museo di Edimburgo dal 19 febbraio al 9 maggio 2021. Verranno inoltre esposte altre scoperte distintive del tesoro, tra cui rari braccialetti d’argento, un anello d’oro e una spilla d’oro. caratteristica dello spettacolo, intitolato ” Galloway Hoard: Viking-Age Treasure “.

Fonte: https://www.smithsonianmag.com/smart-news/1000-years-grime-removed-during-conservation-rare-anglo-saxon-cross-shines-180976560/

- Prosegue dopo la pubblicità -

#storia #croce #archeologia #scozia #regnounito

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.