Press "Enter" to skip to content

Scienziati: “questo sport sta causando lesioni cerebrali e suicidi”

Il suicidio di un calciatore ex-NFL dopo aver subito una malattia cerebrale sta rinnovando il dibattito sulla sicurezza degli sport dove gli impatti più alti sono comuni. Aaron Hernandez, 27 anni, soffriva di encefalopatia cronica traumatica (CTE), una condizione associata a lesioni alla testa, ha detto il suo avvocato di famiglia. La sua famiglia ha chiesto che il suo cervello fosse testato dopo che Hernandez, un omicidio condannato, si è ucciso in aprile.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ma mentre le collisioni crunching nel NFL sono ben note – e celebrate dallo sport stesso – CTE sta interessando gli sportivi da una gamma molto più ampia di sfondi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Che cosa è CTE?

È un tipo di demenza associato a ripetuti colpi alla testa e episodi ricorrenti di concussione. La condizione vede una proteina chiamata grumi di forma Tau che poi si diffondono in tutto il cervello e uccidono le cellule del cervello.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Si trova principalmente negli atleti e veterani militari che hanno sofferto centinaia o addirittura migliaia di impatti diretti nel corso degli anni, dice la fondazione statunitense Concussion Legacy Foundation (CLF).

I sintomi comuni includono problemi di controllo dell’impulso, aggressività, depressione e paranoia. I sintomi successivi includono la perdita di memoria, la confusione, il giudizio compromesso e, infine, la progressiva demenza, dice il CLF.

- Prosegue dopo la pubblicità -

CTE è stato osservato in persone come giovani di 17 anni, ma i sintomi di solito non cominciano ad apparire fino a anni dopo che gli impatti della testa cominciarono a verificarsi.

Quanto è diffusa?

A luglio, i ricercatori dell’Università di Boston hanno trovato CTE presente in 110 di 111 cervelli da ex giocatori di NFL che sono stati donati alla ricerca dopo la loro morte.

“Un livello elevato di gioco può essere correlato a un onere sostanziale della malattia”, hanno detto gli autori. La causa più comune di morte tra coloro che avevano CTE precoce era il suicidio, trovarono, che rappresentavano più di un quarto di morti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Suicidi di alto profilo includono l’ex giocatore di Chicago Bears Dave Duerson, che si è sparato al petto nel 2011 e ha lasciato una nota dicendo che voleva che il suo cervello fosse esaminato dagli scienziati. Duerson, che era stato affetto da depressione, è stato successivamente trovato di avere CTE.

Chi altro è colpito?

L’anno scorso l’ex campione del BMX Dave Mirra è diventato il primo atleta di azione sportiva da diagnosticare con CTE dopo che ha commesso il suicidio. Aveva sofferto di alterazioni dell’umore, riferì poi Rolling Stone .

La rivista ha affermato che alla fine della sua carriera, Mirra aveva cominciato ad avere crash più frequenti perché la pressione era cresciuta all’interno dello sport per mirare più salti e trucchi più difficili.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel frattempo l’ex campione wrestling di WWE Daniel Bryan l’anno scorso ha detto che si è ritirato dallo sporto dopo che una scansione del cervello aveva rivelato che il suo cervello “non stava bene come credevo che fosse”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La condizione ha interessato anche i giocatori di hockey su ghiaccio, calcio e giocatori di rugby. Il calciatore brasiliano Bellini, che insieme a Pele ha portato la squadra del Brasile ai trionfi della Coppa del Mondo, nel 1958 e nel 1962, è stato postumo diagnosticato con CTE nel 2014.

A febbraio, i ricercatori britannici hanno dichiarato di avere prove provvisorie che le intestazioni ripetute durante una carriera professionale di un calciatore potrebbero essere collegate a danni cerebrali a lungo termine.

“Penso che ci sia stata una percezione che gli sport senza casco sono in qualche modo meno probabili o meno soggetti a queste malattie”, ha dichiarato il dottor Ann McKee dell’Università di Boston nel 2014 sul giornale di New York Times.

“C’era anche un momento in cui la gente diceva che il CTE era solo un problema americano. Penso che stiamo imparando che in entrambi i casi queste cose non sono vere e questo è un problema che verrà visto in tutto il mondo”.

CTE potrebbe essere un fattore di reato violento?

Questa è una zona difficile per trarre conclusioni solide, ma alcuni osservatori hanno suggerito che la CTE, che può aumentare l’aggressività e ridurre il controllo degli impulsi nei malati, potrebbe quindi rendere i malati più inclini alla violenza.

Siamo diretti verso un giorno in cui con un crimine, l’avvocato difensore metterà in discussione il calcio. Dove la difesa dirà: ‘Questo comportamento è stato causato perché questo sport ha fatto colpo questo tizio troppo spesso’,” ESPN TV commentatore Dan Le Batard ha detto l’anno scorso.

Cosa si sta facendo per contrastare la malattia?

Più di 40 regole del calcio americane sono state modificate per ridurre il rischio di un intorpidimento e lo sport dice che ha visto una riduzione. Il NFL afferma inoltre che sta lavorando con esperti per migliorare la salute dei giocatori e sostenere ulteriori ricerche.

Nel 2015 il NFL ha accettato di pagare circa 900 milioni di dollari per compensare e pagare gli esami medici per migliaia di ex giocatori, oltre a finanziare la ricerca dopo che circa 4.500 ex giocatori hanno citato in giudizio l’organizzazione sulle condizioni legate allo sbalzo.

Nel frattempo la società Vicis ha sviluppato un nuovo casco da 1.500 dollari per i giocatori che indossano che si dice possa ridurre l’impatto delle collisioni sul cervello. La ricerca si sta svolgendo anche negli effetti del gioco di rugby – dove non viene utilizzato un casco – e gli atteggiamenti stanno cambiando come diventa più noto.

“Non vorrei far giocare mio figlio a rugby”, ha dichiarato il Prof. McKee dell’Università di Boston alla BBC nel 2015.

Tuttavia, l’organo direttivo del calcio mondiale Fifa insiste sul fatto che il football americano non è uno sport ad alto rischio per lesioni cerebrali e di testa, nonostante le scoperte dei ricercatori del Regno Unito. “Non esiste attualmente alcuna evidenza reale dell’effetto negativo della voce o di altri colpi sub-concussivi”, ha detto Fifa nel mese di febbraio.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.