Press "Enter" to skip to content

Il mammifero velenoso sopravvissuto ai dinosauri nascosto nelle isole caraibiche

Dopo un enorme aggravamento, i genetisti sono riusciti a sequenziare il genoma di un roditore velenoso simile ai più comuni toporagni che prosperò tra le dita dei dinosauri e sopravvisse alla meteora che devastò la vita sul pianeta 66 milioni di anni fa. Uno dei principali autori del rapporto pubblicato a marzo 2018 su Gigascience, il dott. Juan Carlos Martinez-Cruzado, ha osservato che “le risorse locali sono assolutamente necessarie per questo tipo di lavoro, solo loro conoscono veramente il comportamento dell’animale”. Oppure, come hanno elaborato: apprezzano le “guide locali che li hanno aiutati a tracciare e tendere agguati riuscendo a catturare i solenodonti di notte”. Nella giungla. Nell’oscurità.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Appena in tempo. Dopo essere sopravvissuti ai dinosauri, gli ultimi solenodonti vivi vivono nelle tasche della giungla in due isole, Hispaniola e Cuba. Questo è tutto. Ci sono diversi motivi per cui i solenodelli di Hispaniola non erano ancora stati sequenziati. Uno: sono rari. Due: sono notturni. Tre, quattro e cinque: non sono grandi, anche se i maschi di grandi dimensioni possono raggiungere un paio di metri di lunghezza compresa la coda; sono velenosi; e i pochi sopravvissuti vivono sulle isole di Cuba e Hispaniola. Entrambe le isole sono grandi ma i solenodonti vivono solo in tasche isolate. Abbiamo anche detto che sono degli ottimi scavatori? Quindi, se stai cercando questo piccolo animale e non ti accorgi in tempo della sua presenza, potresti morire!

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nonostante le difficoltà, i ricercatori, con l’aiuto della popolazione locale, sono riusciti a sequenziare i geni di questi animali. La bozza di sequenza genetica del solenodonte di Hispaniola ( Solenodon paradoxus ) è stata pubblicata alla fine della scorsa settimana da un team internazionale guidato dal Dr. Taras Oleksyk dell’Università di Porto Rico. Questi ricercatori hanno concluso che il solenodonte è sopravvissuto a quello sciame di meteore che secondo alcune teorie avrebbe fortemente contribuito a scatenare l’estinzione di massa del Cretaceo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I solenodonti rappresentano l’unica specie sopravvissuta conosciuta di un ramo di mammiferi che si è separato dagli insettivori (talpe, ricci e veri toporagni ) al tempo dei dinosauri, intorno a (sembra) ai 74 milioni di anni fa. I mammiferi sono in circolazione da oltre 200 milioni di anni, anche se la diversificazione è giunta dopo che i dinosauri sono morti per lo più circa 66 milioni di anni fa. Sembra che i primi mammiferi assomigliassero molto al nostro solenodonte. Ad esempio, i primi mammiferi erano attivi di notte e mangiavano insetti. Oggi il veleno è in gran parte il feudo di rettili come serpenti e pesci. Ma tra i mammiferi del Cretaceo, il veleno era una cosa comune, e i mammiferi di oggi con il veleno sono considerati discendenti diretti di quella caratteristica primitiva. Un breve video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il veleno del solenoide, che sembra non essere diverso dalla neurotossina di un serpente, è prodotto da ghiandole salivari modificate e somministrato da scanalature nelle sue zanne inferiori. La morte per avvelenamento è considerata difficile.  Altri esempi di mammiferi velenosi includono l’ornitorinco maschio, che ha un artiglio posteriore velenoso; la loris, un primate primitivo che lecca una ghiandola del braccio che secerne la tossina per rendere la loro saliva velenosa; e alcuni toporagni. L’altra stranezza primitiva del solendon include artigli straordinariamente grandi, un muso sporgente e flessibile con un’articolazione palla-e-presa non dissimile dai coatimundi, e “mammelle stranamente posizionate sulla loro parte posteriore“, scrivono gli scienziati. Sì: i capezzoli della madre sono sul suo sedere.

La squadra sembra desiderare l’apprezzamento per gli sforzi effettuati sulle ricerche approfondite sul bizzarro animale. “Portare avanti la ricerca sulla genomica in zone remote dei Caraibi ha rappresentato una sfida, in particolare nel trasporto di DNA di alta qualità in laboratorio”, dice il documento, anche se  “il DNA non regge facilmente e i budget sono scarsi ” il laboratorio commerciale utilizzato per eseguire il sequenziamento ha rivelato “una copertura molto bassa per individuo “. Una foto in bianco e nero:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Come detto, Hispaniola risulta avere una sola specie di questo mammifero ratto, ma ha due sottospecie che si dividono – secondo questa analisi genetica da circa 300.000 anni. Ergo, le popolazioni del nord e del sud dovrebbero essere trattate come due unità di conservazione separate e potrebbero aver bisogno di strategie di allevamento indipendenti, suggeriscono gli scienziati. Ma con tutto il dovuto rispetto per le strategie di allevamento, non solo la gamma limitata dei solenodonti circondata dagli oceani (in aumento ) è di cattivo auspicio per questi animali intriganti. Dopo decine di milioni di anni di isolamento, gli scienziati dicono che dobbiamo presumere che siano in declino. È un assioma della genetica che l’inbreeding riduce la diversità che riduce la potenziale capacità di adattamento dell’animale, incluso ad esempio il cambiamento climatico.

Infine, alcuni potrebbero scambiare il solenodonte per un topo: non è più piccolo e ha anche una coda nuda. Possono essere abbastanza longevi, con gli esemplari in cattività della varietà Hispaniola capace di vivere sino ad 11 anni. Come i topi, questi animali mangiano praticamente di tutto, anche i lombrichi. Ma sebbene si possa pensare che mangino convenientemente la spazzatura, non sono animali domestici ideali: secernono un muschio dai loro piccoli inguini che, a quanto si dice, fa sì che le puzzole, a confronto abbiano un buon profumo. In parole povere: se ne trovate uno, non abbracciatelo.

- Prosegue dopo la pubblicità -
error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.