In arrivo le api robot per l’impollinazione

Si dice che i metodi di agricoltura moderna intensiva e le conseguenze disfacenti del cambiamento climatico globale abbiano messo in pericolo il futuro dell’ape comune come mai prima d’ora.
Ma alla Delft University of Technology nei Paesi Bassi un gruppo di scienziati che lavorano su soluzioni a lungo termine ad alcuni dei problemi più spinosi del mondo, ha sviluppato una soluzione che potrebbe essere tratta da un romanzo di fantascienza: api robotiche.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Riproducendo alcuni dei complessi schemi di movimento delle ali e l’aerodinamica dei moscerini della frutta, i ricercatori della nuova università Robohouse, un centro d’eccellenza olandese, credono di essere in grado di creare sciami di droni a forma di ape per impollinare le piante quanto quelli reali.
I precedenti tentativi di perfezionare la tecnologia ad Harvard e altrove hanno prodotto modelli utili, ma hanno dimostrato di essere troppo fragili o incapaci di lavorare l’uno con l’altro.
Matěj Karásek, un ricercatore che lavora al progetto, ha dichiarato: “L’uso che vediamo per questo robot è l’impollinazione nelle serre. L’ape è in pericolo a causa dei nostri metodi di coltivazione e non sappiamo quale sarà il loro futuro. Questa potrebbe essere una soluzione. ”

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Non stiamo cercando di clonare mosche e api, ma stiamo cercando di imparare da loro”, ha detto.
L’insetto robotico ha un’apertura alare di 33 cm e pesa 29 g, rendendolo 55 volte più grande di una mosca della frutta. Può anche volare per solo sei minuti o 1km con la durata della sua batteria attuale. Ma il piano, dice l’università, è di ridurre le dimensioni a quella degli insetti che stanno cercando di emulare.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I Paesi Bassi sono uno dei maggiori esportatori al mondo di prodotti agricoli e alimentari nel mondo. Le api sono responsabili per l’impollinazione dell’80% delle colture commestibili coltivate nel paese.

Tuttavia, delle 360 ​​diverse specie di api nei Paesi Bassi, circa la metà di esse sono minacciate. A livello globale, il numero drammaticamente in calo di impollinatori è legato, in parte, all’uso diffuso dei pesticidi.«Se le api scomparissero della terra – diceva Albert Einstein – all´uomo non resterebbero che quattro anni di vita».

- Prosegue dopo la pubblicità -

È stato recentemente affermato che un pesticida tra i più diffusi potrebbe eliminare le comuni popolazioni di calabrone, non permettendo la formazione di nuove colonie.
Si dice che la sostanza chimica, thiamethoxam, riduca drasticamente la deposizione delle uova da parte delle regine. Le previsioni basate su un modello matematico hanno suggerito che ciò potrebbe comportare il collasso totale delle popolazioni locali delle api selvatiche.

Karásek ha dichiarato al Guardian: “Penso che entro cinque o dieci anni avremo la tecnologia per rendere i droni molto più piccoli e potremmo vederli messi in uso nelle serre“.
Gli sviluppatori stanno lavorando per trovare un partner commerciale per il progetto. La Robohouse dell’università di Delft, aperta poco tempo fa, è stata istituita per riunire le menti ingegneristiche più brillanti del paese.

Sicuramente come previsione è molto triste, anche se potrebbe aiutare se gestita come si deve. L’ideale sarebbe comunque salvaguardare le api e tutti gli insetti reali che ci aiutano nell’impollinazione.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).