Da uno studio risulta che chi consuma molto peperoncino, rischia perdite di memoria

Uno studio su oltre 4.500 persone ha scoperto che coloro che consumno 50g di peperoncino al giorno hanno il doppio delle probabilità di avere una scarsa memoria.
Mangiare quantità eccessive di peperoncino è anche collegato a un calo del 56% della memoria in 15 anni, secondo la ricerca.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli scienziati non sono sicuri del perché esista questo legame, con alcuni studi che suggeriscono che la capsaicina (il componente attivo del peperoncino) ha effetti analgesici e antifiammatori, tuttavia, dosi elevate di capsaicina possono “disattivare” i nervi che causano dolore.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I ricercatori affermano che potrebbe quindi influire sulla “vitalità” dei nervi, ma hanno avvertito che la teoria è “altamente speculativa”.
E altri esperti rassicurano gli amanti del peperoncino “non c’è ancora bisogno di evitare cibi piccanti”.
Gli scienziati dell’Università del Qatar hanno guidato lo studio, che ha coinvolto anche studenti dell’Università dell’Australia meridionale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nei nostri studi precedenti, il ​​consumo di peperoncino è risultato benefico per il peso corporeo e la pressione sanguigna“, ha affermato l’autore principale, il dott. Zumin Shi.
Tuttavia, in questo studio, abbiamo riscontrato effetti negativi sulla cognizione tra gli adulti più anziani.”

La demenza – di cui la forma più comune è l’Alzheimer – colpisce 850.000 persone nel Regno Unito, secondo la Alzheimer’s Society. E negli Stati Uniti, 5,7 milioni di persone vivono con la malattia, secondo l’American Speech-Language-Hearing Association La dieta è un “fattore di rischio modificabile”, insieme al fumo e all’inattività, hanno scritto i ricercatori sulla rivista Nutrients.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il peperoncino è una delle spezie più utilizzate al mondo, con un’assunzione particolarmente elevata in Asia. Il co-autore dello studio, il dott. Ming Li, ha dichiarato: “In alcune regioni della Cina, come Sichuan e Hunan, quasi un adulto su tre consuma ogni giorno cibi piccanti“.

Il peperoncino è stato associato a un ridotto rischio di obesità, ipertensione e persino una morte precoce. Si ritiene che ciò sia dovuto al fatto che la capsaicina riduce lo “stress interno“.

Tuttavia, studi sugli animali che hanno esaminato il ruolo della capsaicina nella funzione cognitiva hanno prodotto risultati contrastanti, con alcuni che suggeriscono che è “neurotossico“.
Per saperne di più, i ricercatori hanno analizzato 4.582 adulti con più di 55 anni che facevano parte del China Health and Nutrition Survey tra il 1991 e il 2006.
Di questi, 3.302 hanno avuto la loro funzione cognitiva valutata in almeno due sessioni nel 1997, 2000, 2004 o 2006.
Ciò ha comportato la richiesta di richiamare 10 parole da un elenco e contare indietro da 20.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ai partecipanti è stato anche chiesto di valutare i loro ricordi su una scala da “molto buono” a “molto cattivo”.
L’assunzione di peperoncino è stata monitorata tramite un questionario alimentare di tre giorni durante ogni sondaggio. Ciò includeva sia peperoncini freschi che secchi, ma non peperoni o pepe nero.
I risultati hanno rivelato il cibo più piccante che un partecipante ha mangiato, minore è la sua funzione cognitiva.

Rispetto ai partecipanti che non hanno mai mangiato peperoncino, quelli che consumavano più di 50 grammi al giorno avevano il doppio del rischio di una scarsa memoria dichiarata da sé.
Tuttavia, i ricercatori hanno notato che 50 g di peperoncino al giorno non sono “comuni nei paesi occidentali”.
Ma i partecipanti che hanno mangiato così tanto avevano il 56% in più di probabilità di riferire un declino della memoria per la durata di 15 anni dello studio.
Il rischio era maggiore tra quelli con un basso indice di massa corporea, che i ricercatori hanno definito “limite significativo”.

Quelli con un BMI sottopeso o sano possono essere più sensibili al peperoncino rispetto alle persone più pesanti, hanno aggiunto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I partecipanti che hanno mangiato molto peperoncino avevano anche un reddito inferiore ed erano più attivi fisicamente rispetto ai non consumatori.
Non è chiaro perché il peperoncino possa causare un declino cognitivo, con alcuni studi sugli animali che suggeriscono addirittura che promuova una buona memoria.
La capsaicina ha precedentemente dimostrato di accelerare il metabolismo, aiutare la perdita di peso e prevenire disturbi vascolari come gli ictus.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La dott.ssa Clare Walton, responsabile della ricerca presso l’Alzheimer’s Society, ha dichiarato: “Con l’aumento delle figure di demenza globale, comprendere i fattori di rischio, in particolare quelli rilevanti per le grandi popolazioni come la Cina, è sicuramente un argomento caldo. Ma c’erano così tante differenze tra gli amanti del peperoncino e gli astenuti in questo studio che non fornisce alcuna prova conclusiva che mangiare cibi piccanti aumenterà il rischio di demenza.Questo studio non ha nemmeno valutato la demenza ha solo esaminato dei test di memoria e matematica. Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare un legame tra peperoncino e demenza, quindi per ora non è necessario evitare la salsa piccante.”

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).