I ponti viventi fatti con le radici estese degli alberi: uno spettacolo sostenibile in tutti i sensi. Ecco dove si trovano e come vengono costruiti – video e foto

Sembrano usciti da un racconto fantasy ma invece esistono realmente e vengono utilizzati quotidianamente dalla popolazione locale che li pruomuove:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Uno deli esempi piu’ evidenti e spettacolari provengono dal Meghalaya, uno degli stati dell’India nord orientale:

- Prosegue dopo la pubblicità -

In questa regione del mondo, i ponti viventi sono fatti a mano dalle radici aeree di fichi di gomma ( Ficus elastica  ) dai popoli Khasi e Jaintia  del terreno montuoso lungo la parte meridionale dell’altopiano di Shillong . Ponti radicali sono stati osservati anche nello stato indiano del Nagaland. Ponti radicali viventi sono stati creati anche in Indonesia a Jembatan akar sull’isola di Sumatra e nella banten provence di Java , dal popolo Baduy .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un ponte radicale vivente si forma guidando le radici flessibili dell’albero Ficus elastica attraverso un ruscello o un fiume, e quindi permettendo alle radici di crescere e rafforzarsi nel tempo fino a quando non riescono a sostenere il peso di un essere umano. Le radici giovani sono talvolta legate o intrecciate insieme e sono spesso incoraggiate a combinarsi tra loro attraverso il processo di inosculazione . Come il Ficus elastical’albero è adatto per ancorarsi a pendii ripidi e superfici rocciose, non è difficile incoraggiare le sue radici a prendere piede sui lati opposti delle rive del fiume. Poiché sono composti da organismi viventi, in crescita, la durata utile di ogni dato ponte radicale vivente è variabile. Si ritiene che, in condizioni ideali, un ponte radicale possa durare per molte centinaia di anni. Fintanto che l’albero da cui si forma rimane sano, il ponte si rinnoverà e si rafforzerà naturalmente man mano che le sue radici componenti diventano più spesse. Esistono diversi modi in cui è possibile creare un bridge radice:

Ponti viventi costruiti a mano:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Alcuni ponti radicali viventi sono creati interamente manipolando le radici dell’albero Ficus elastica a mano e senza l’aiuto di un’impalcatura o di qualsiasi altro materiale naturale o artificiale. Spesso, gli abitanti del posto che usano i ponti radicali possono apportare piccole modifiche a loro, manipolando le radici giovani man mano che l’occasione si presenta. Per questo motivo, si può dire che lo sviluppo di un ponte radicale vivente è uno sforzo sociale e che le strutture sono perpetue opere in corso.

ponti radicali usando un’impalcatura di legno o bambù:

- Prosegue dopo la pubblicità -

I ponti radicali sono anche comunemente formati addestrando le giovani radici di Ficus elastica su impalcature di legno o bambù, materiali che sono abbondanti nell’India nord-orientale. In questi casi, le radici sono avvolte all’esterno del materiale deperibile. Le impalcature possono essere sostituite più volte nel corso degli anni man mano che il ponte radicolare diventa più forte. [9]

- Prosegue dopo la pubblicità -

root bridge tramite tronchi di Areca Palm:

Alcuni ponti di radici viventi vengono coltivati ​​allenando le giovani radici di Ficus elastica attraverso i tronchi scavati delle palme da noce di Areca . Le radici flessibili dell’albero vengono fatte crescere attraverso tronchi di betel [10] che sono stati posizionati attraverso fiumi e corsi d’acqua fino a quando le radici dei fichi non si attaccano all’altro lato. I tronchi servono a guidare le radici, a proteggerle e a fornire loro sostanze nutritive mentre decadono. [9] Bastoncini, pietre e altri oggetti sono usati per stabilizzare il ponte crescente e questo processo può richiedere fino a 15 anni. [11] Questo mezzo per creare ponti radicali viventi può essere osservato al meglio vicino al villaggio turistico Nongriat.

 ponti radicali utilizzando strutture convenzionali come ponteggi 

I ponti radicali possono anche essere addestrati guidando le giovani radici degli alberi di Ficus elastica attraverso strutture convenzionali, come ponti di sospensione in filo di acciaio già esistenti. [9] Dato che la struttura utilizzata come impalcatura è già funzionale, il problema del tempo impiegato per il funzionamento di un bridge radice viene qui sostanzialmente ignorato; la struttura convenzionale può essere utilizzata fino a quando il ponte radicale più sostenibile non è sufficientemente forte.

Ponti radicali viventi sono noti nel distretto di West Jaintia Hills e nel distretto di East Khasi Hills . [3] [12] Nelle colline di Jaintia, esempi di Living Root Bridges si trovano nei e nei villaggi di Shnongpdeng, Nongbareh, Khonglah , Padu, Kudeng Thymmai e Kudeng Rim. [3] Nelle colline orientali di Khasi, si sa che esistono ponti radicali nelle vicinanze di Cherrapunji ora chiamati Sohra dentro e intorno ai villaggi di Tynrong, [13] Mynteng, Nongriat , Nongthymmai e intorno a Laitkynsew . [14]A est di Sohra (Cherrapunjee), sono noti esempi di ponti radicali viventi nella regione di Khatarshnong, dentro e intorno ai villaggi di Nongpriang, Sohkynduh, Rymmai, Mawshuit e Kongthong. [15] Molti altri possono essere trovati vicino a Pynursla [12] e intorno al villaggio di Mawlynnong . Il popolo Khasi non sa quando o come sia iniziata la tradizione di vivere ponti radicali. La prima testimonianza scritta dei ponti radicali viventi di Sohra (Cherrapunji) è del tenente Henry Yule , che ne espresse stupore nel Journal of the Asian Society of Bengal del 1844 .  Dove è possibile visitare queste meraviglie della sostenibilità ambientale? Ecco alcuni noti esempi:

Con oltre 50 metri di lunghezza, l’esempio più lungo noto di un ponte radicale vivente trova vicino alla piccola città Khasi di Pynursla, in India . È possibile accedervi da uno dei villaggi di Mawkyrnot o Rangthylliang. Esistono diversi esempi di ponti radicali a doppia vita, il più famoso dei quali è il ponte radicale “Double Decker” di Nongriat Village, nella foto sopra. Esistono tre esempi noti di doppi ponti con due campate parallele o quasi parallele. Due sono nelle colline occidentali di Jaintia vicino ai villaggi di Padu e Nongbareh,  e uno si trova nel villaggio birmano, nelle colline est di Khasi. C’è anche un “Double Decker” (o forse anche “Triple Decker”) vicino al villaggio di Rangthylliang, vicino a Pynursla. Video:

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.