Dotata di olfatto molto sviluppato identifica con il fiuto le persone affette da Parkinson

Medicina Scienza

Non è molto comune conoscere persone dotate da iperosmia, cioè avere una sviluppata sensibilità dell’olfatto per la quale odori comunemente non avvertibili, sono invece percepiti da alcuni soggetti. In Inghilterra, precisamente a Manchester, una 69enne infermiera in pensione, Joy Milne, ha scoperto di avere questa dote e di saper riconoscere, tramite l’olfatto, le persone affette da Alzheimer.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La donna si era resa conto di sentire un odore particolare dieci anni prima che al marito gli venisse diagnosticato il Parkinson. Un odore strano  che l’infermiera aveva  associato ai malati di Parkinson incontrati nell’ospedale dove aveva lavorato. Milne portò a conoscenza di questo ad un gruppo di scienziati che la sottoposero a dei test. L’esito dei test confermarono questa particolarità nella donna. Le furono date da annusare 12 t-shirt delle quali  6 erano state indossate da malati di Parkinson e le altre da persone sane. La donna identificò correttamente tutti i pazienti malati di Parkinson ma aveva riferito di sentire lo stesso odore sulla maglietta di una delle persone sane, un uomo a cui tre mesi dopo gli è stata diagnosticata la malattia.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le persone affette da Parkinson hanno un particolare odore prodotto da delle  molecole contenute nel sebo secreto dalla pelle.  Ora i ricercatori dell’Università di Manchester hanno coinvolto nel loro lavoro, la preziosissima ex infermiera, per  sfruttare la sua particolare capacità olfattiva nello sviluppo di un test per il riconoscimento nasale del Parkinson in stadio precoce e per arrivare quanto prima ad una  veloce diagnosi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

 

- Prosegue dopo la pubblicità -