Press "Enter" to skip to content

I traumi si ereditano: vengono tramandati da genitori a figli, fino alla terza generazione.

E se un vecchio trauma fosse scritto nel tuo DNA? Questo controverso campo di ricerca esplora la biologia e l’espressione genica per esplorare le implicazioni del trauma intergenerazionale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Pochi campi di ricerca sono così accattivanti come quelli che tentano di mappare il paesaggio della psiche umana. Con i recenti progressi nell’intelligenza artificiale, la rinnovata attenzione alla salute mentale e il crescente interrogatorio nella coscienza umana, i nostri occhi rimangono fissi interiormente su una frontiera finale che, letteralmente, va oltre la portata della nostra immaginazione collettiva.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sebbene possiamo tracciare la connessione tra emozione e benessere fisico già nel secondo secolo, la medicina occidentale ha storicamente trattato la mente e il corpo come due entità molto separate. L’interesse del paziente per la medicina alternativa e i rimedi omeopatici è aumentato drammaticamente intorno alla svolta del 21° secolo e ha incoraggiato ulteriori ricerche sulla connessione mente-corpo. I recenti sviluppi di questa ricerca lasciano spazio a domande su come il cervello si collega al corpo che lo ospita e ci invitano a guardare più da vicino i nostri corpi e le storie che portano.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Queste domande riguardano argomenti come l’ubicazione della memoria nel corpo e come possiamo provare emozioni in modo fisico. Uno degli sviluppi scientifici più interessanti di questo secolo è l’idea che alcune esperienze traumatiche possano influenzarci a livello molecolare. L’epigenetica considera gli effetti del trauma sull’espressione genica e come questi cambiamenti nel genoma possano essere trasmessi ai nostri figli. Grazie ad archeologi e antropologi, sappiamo che i nostri corpi raccontano storie di traumi, resilienza e trasformazione dopo la nostra morte. Ora, recenti scoperte ci chiedono di considerare se quel trauma potrebbe aver preceduto la nostra nascita.

Oakley Ray, professore emerito di psicologia, psichiatria e farmacologia presso la Vanderbilt University di Nashville, nel Tennessee, ha spiegato il paradigma mente-corpo semplicemente dicendo che “non esiste una vera divisione tra mente e corpo a causa delle reti di comunicazione che esistono tra il cervello e sistemi neurologici, endocrini e immunitari ”. Ora può sembrare sorprendentemente ovvio, ma solo negli ultimi quattro decenni le maggiori prove del ruolo critico della mente nella guarigione del corpo hanno lasciato il posto a una credenza più diffusa per la medicina mente-corpo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Mentre la medicina moderna continua ad esplorare la connessione mente-corpo, il campo emergente dell’epigenetica pone importanti domande sulla nostra storia familiare, in particolare per quanto riguarda le esperienze intensamente traumatiche. L’idea è che certe esperienze comportamentali e ambientali possono essere sufficienti per alterare l’espressione genica. Studi recenti hanno scoperto prove che suggeriscono che gli impatti duraturi del trauma possono essere ereditati attraverso la memoria molecolare e successivamente trasmessi alle generazioni future. Se questo fosse vero, potrebbe avere serie implicazioni per la salute mentale e fisica delle generazioni future.

Rachel Yehuda è professoressa di neuroscienze e psichiatria presso la Icahn School of Medicine, nonché direttore della Divisione Traumatic Stress Studies presso la Mount Sinai School of Medicine e il Mental Health Patient Care Center presso il James J. Peters VA Medical Center a New York City. È pioniera nello studio della trasmissione biologica del trauma e la sua ricerca sull’epigenetica e il trauma generazionale si è concentrata su veterani, sopravvissuti all’Olocausto e donne in gravidanza che hanno subito gli attacchi dell’11 settembre. La sua ricerca cerca di comprendere gli effetti secondari del trauma per i bambini che non hanno mai vissuto direttamente l’evento stesso e se l’esperienza traumatica di un genitore possa causare su un bambino che ha maggiori probabilità di sviluppare disturbi psichiatrici più avanti nella vita.

La ricerca del Dr. Yehuda sui sopravvissuti al trauma e sulla loro prole ha rivelato due diverse categorie di effetti trasmessi epigeneticamente. Il primo set si verifica dopo il concepimento e deriva da alcuni fattori di sviluppo nell’ambiente della prole, dall’esposizione prenatale allo stress del caregiver alle esperienze postnatali mentre viene curata da un sopravvissuto al trauma. La seconda categoria comporta cambiamenti epigenetici associati al trauma dei genitori che si verificano prima del concepimento. I suoi risultati hanno confermato la trasmissione epigenetica degli effetti dello stress negli animali e messo in evidenza la necessità di studi longitudinali e multi-generazionali per determinare se quegli stessi meccanismi potessero essere dimostrati nell’uomo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Forse la parte più importante di questo studio tiene conto del fatto che la trasmissibilità epigenetica del trauma si riferisce a cambiamenti ereditari nel genoma che possono o meno essere espressi in base a fattori ambientali. La sequenza del DNA in sé non viene modificata e in realtà non si verifica alcuna mutazione genetica. Se i fattori ambientali possono indurre l’espressione di un trauma ereditario, potrebbero anche essere in grado di invertirlo. Isabelle Mansuy è professore di Neuroepigenetica all’Università di Zurigo e all’ETH di Zurigo. Il suo team di ricercatori ha condotto uno studio nel 2016 che ha dimostrato che l’arricchimento ambientale non solo ha invertito efficacemente i sintomi del trauma nei topi, ma ha anche impedito la trasmissione dell’espressione del trauma alla prole. Almeno nei topi, le alterazioni epigenetiche si sono dimostrate correggibili attraverso l’arricchimento ambientale.

Nonostante il suo continuo progresso, la scienza alla base di questi risultati rimane giovane ed è appassionatamente contestata da coloro che credono che l’entusiasmo e la novità che circondano i risultati potrebbero contribuire a uno standard più basso per i test e le prove. Dopotutto, in che modo un segno creato dal trauma sopravvive allo sviluppo genetico che si svolge da un uovo fecondato in un corpo umano completamente formato? La dottoressa Yehuda ammette che potrebbe passare un po ‘di tempo prima che lo sappiamo con certezza. Dati i vincoli etici degli studi che coinvolgono il trauma, nonché le sfide metodologiche dello studio di più generazioni, potrebbero passare molti anni prima che gli studi controllati siano in grado di far avanzare la ricerca epigenetica.

Per quanto preliminare possa essere, questa ricerca fornisce conoscenze che potrebbero aiutare a cambiare e arricchire il nostro approccio al trattamento della salute mentale, fornire un quadro per far guarire le comunità colpite da catastrofi e devastate dalla guerra e armare i sopravvissuti e le loro famiglie con una comprensione più solida di come affrontare il loro trauma condiviso con agenzia e speranza.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.