Press "Enter" to skip to content

La scoperta di nuove cellule T aumenta la prospettiva della terapia del cancro “universale”

I ricercatori dell’Università di Cardiff hanno scoperto un nuovo tipo di cellula T killer che offre la speranza di una terapia del cancro “unica per tutti”. Le terapie con cellule T per il cancro – in cui le cellule immunitarie vengono rimosse, modificate e restituite al sangue del paziente per cercare e distruggere le cellule tumorali – sono l’ultimo paradigma nei trattamenti contro il cancro.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La terapia più diffusa, nota come CAR-T, è personalizzata per ciascun paziente, ma riguarda solo alcuni tipi di tumori e non ha avuto successo per i tumori solidi, che costituiscono la stragrande maggioranza dei tumori. I ricercatori di Cardiff hanno ora scoperto le cellule T dotate di un nuovo tipo di recettore delle cellule T (TCR) che riconosce e uccide la maggior parte dei tipi di cancro umano, ignorando le cellule sane.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo TCR riconosce una molecola presente sulla superficie di una vasta gamma di cellule tumorali, nonché in molte delle cellule normali del corpo, ma, straordinariamente, è in grado di distinguere tra cellule sane e cellule cancerose, uccidendo solo quest’ultima. I ricercatori hanno affermato che ciò significava che offriva “eccitanti opportunità per immunoterapie in pan-cancro e pan-popolazione” che prima non si pensava possibili. Come funziona questo nuovo TCR?

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le cellule T convenzionali scansionano la superficie di altre cellule per trovare anomalie ed eliminare le cellule cancerose – che esprimono proteine ​​anomale – ma ignorano le cellule che contengono solo proteine ​​”normali”. Il sistema di scansione riconosce piccole parti di proteine ​​cellulari che sono legate a molecole della superficie cellulare chiamate antigene leucocitario umano (HLA), consentendo alle cellule T killer di vedere cosa succede all’interno delle cellule scansionando la loro superficie.

L’HLA varia ampiamente da individuo a individuo, il che ha precedentemente impedito agli scienziati di creare un singolo trattamento a base di cellule T mirato alla maggior parte dei tumori in tutte le persone. Ma lo studio di Cardiff, pubblicato oggi su Nature Immunology , descrive un TCR unico in grado di riconoscere molti tipi di cancro attraverso una singola molecola simile all’HLA chiamata MR1. A differenza dell’HLA, l’MR1 non varia nella popolazione umana, il che significa che è un nuovo target estremamente interessante per le immunoterapie. Cosa hanno mostrato i ricercatori?

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le cellule T equipaggiate con il nuovo TCR sono state mostrate, in laboratorio, per uccidere le cellule tumorali del polmone, della pelle, del sangue, del colon, della mammella, dell’osso, della prostata, dell’ovaio, dei reni e del collo dell’utero, ignorando le cellule sane. Per testare il potenziale terapeutico di queste cellule in vivo, i ricercatori hanno iniettato cellule T in grado di riconoscere la MR1 in topi portatori di cancro umano e con un sistema immunitario umano. Ciò ha mostrato risultati “incoraggianti” di eliminazione del cancro che i ricercatori hanno affermato che erano paragonabili alla terapia CAR-T ora approvata dal NHS in un modello animale simile.

Il gruppo di Cardiff è stato inoltre in grado di dimostrare che le cellule T dei pazienti con melanoma modificate per esprimere questo nuovo TCR potrebbero distruggere non solo le cellule tumorali del paziente, ma anche le cellule tumorali di altri pazienti in laboratorio, indipendentemente dal tipo di HLA del paziente. Il professor Andrew Sewell, autore principale dello studio ed esperto di cellule T della School of Medicine dell’Università di Cardiff, ha affermato che era “molto insolito” trovare un TCR con una specificità del cancro così ampia e questo ha sollevato la prospettiva di una terapia del cancro “universale” .

Speriamo che questo nuovo TCR possa fornirci una strada diversa per colpire e distruggere una vasta gamma di tumori in tutti gli individui“, ha detto. “Le attuali terapie basate sul TCR possono essere utilizzate solo in una minoranza di pazienti con una minoranza di tumori. “Il target per cancro attraverso le cellule T limitate alla MR1 è una nuova frontiera entusiasmante – aumenta la prospettiva di un trattamento del cancro” unico per tutti “; un singolo tipo di cellula T che potrebbe essere in grado di distruggere molti diversi tipi di tumori in tutta la popolazione. “In precedenza nessuno credeva che ciò potesse essere possibile.Cosa succede dopo?

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sono in corso esperimenti per determinare il preciso meccanismo molecolare con cui il nuovo TCR distingue tra cellule sane e cancro. I ricercatori ritengono che possa funzionare rilevando i cambiamenti nel metabolismo cellulare che causano la presentazione di diversi intermedi metabolici sulla superficie delle cellule tumorali da MR1. Il gruppo di Cardiff spera di provare questo nuovo approccio nei pazienti verso la fine di quest’anno dopo ulteriori test di sicurezza.

Il professor Sewell ha affermato che un aspetto vitale di questi test di sicurezza in corso è quello di garantire ulteriormente che le cellule T killer modificate con il nuovo TCR riconoscano solo le cellule tumorali.Ci sono molti ostacoli da superare, tuttavia, se questo test ha esito positivo, spero che questo nuovo trattamento possa essere utilizzato nei pazienti tra qualche anno“, ha detto.

Il professor Oliver Ottmann, capo dell’ematologia dell’Università di Cardiff, il cui dipartimento eroga la terapia CAR-T, ha dichiarato: “Questo nuovo tipo di terapia con cellule T ha un enorme potenziale per superare le attuali limitazioni della CAR-T, che ha lottato per identificare idonei e sicuri obiettivi per più di alcuni tipi di cancro.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il professor Awen Gallimore, della divisione di infezione e immunità e immunologia del cancro dell’Università per il Galles Cancer Research Centre, ha dichiarato: “Se questa nuova scoperta trasformativa reggerà, getterebbe le basi per una medicina universale a cellule T, mitigando contro gli enormi costi associati all’identificazione, generazione e produzione di cellule T personalizzate. “Questo è veramente emozionante e potenzialmente un grande passo avanti per l’accessibilità dell’immunoterapia antitumorale“.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La ricerca è stata finanziata da Wellcome Trust, Health and Care Research Wales e Tenovus.
Il professor Kieran Walshe, direttore di Health and Care Research Wales, ha dichiarato: “Finanziamo la ricerca che mira a fare davvero la differenza nella vita delle persone. Questo studio rappresenta uno sviluppo significativo nella lotta contro il cancro e ha il potenziale di trasformare il trattamento di migliaia di pazienti.

Fonte: cardiff.ac.uk

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.