Press "Enter" to skip to content

La stazione radio fantasma russa trasmette ininterrottamente dal 1982, ma nessuno ne conosce il motivo.

Nel mezzo di una palude russa, non lontano dalla città di San Pietroburgo, c’è un cancello di ferro rettangolare. Oltre le sue sbarre arrugginite c’è una collezione di torri radio, edifici abbandonati e linee elettriche delimitate da un muro di pietra a secco. Questo luogo sinistro è al centro di un mistero che risale al culmine della Guerra Fredda. Si pensa che sia il quartier generale di una stazione radio, “MDZhB“, che nessuno ha mai affermato di gestire. Ventiquattro ore al giorno, sette giorni alla settimana, negli ultimi tre decenni e mezzo, trasmette un tono monotono e continuo. Ogni pochi secondi si unisce a un secondo suono, come una nave spettrale che suona la sirena da nebbia. Quindi il drone continua .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Una o due volte alla settimana, un uomo o una donna leggerà alcune parole in russo , come da “specialista in agricoltura”. E questo è tutto. Chiunque, in qualsiasi parte del mondo può ascoltare, semplicemente sintonizzando una radio sulla frequenza di 4625 kHz. È così enigmatico, è come se fosse stato progettato pensando ai teorici della cospirazione. Oggi la stazione ha una dei seguaci online di decine di migliaia, che la conoscono affettuosamente come “il Buzzer”. Si unisce a due stazioni misteriose simili, “the Pip” e “Squeaky Wheel”. Come i loro fan ammettono prontamente, non hanno assolutamente idea di cosa stiano ascoltando.

- Prosegue dopo la pubblicità -

In effetti, nessuno lo fa. “Non ci sono assolutamente informazioni nel segnale”, afferma David Stupples, esperto di intelligence dei segnali della City University di Londra. Cosa sta succedendo? Si pensa che la frequenza appartenga ai militari russi, anche se in realtà non l’hanno mai ammesso. Ha iniziato a trasmettere per la prima volta alla fine della Guerra Fredda, quando il comunismo era in declino. Oggi è trasmesso da due località: la sede di San Pietroburgo e una località vicino a Mosca. Stranamente, dopo il crollo dell’Unione Sovietica, piuttosto che chiuderla, l’attività della stazione è aumentata notevolmente.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Non mancano le teorie per spiegare a cosa potrebbe servire il Buzzer, dal tenersi in contatto con i sottomarini al comunicare con gli alieni. Una di queste idee è che agisce come un segnale di “mano morta”; nel caso in cui la Russia venga colpita da un attacco nucleare, il drone si fermerà e innescherà automaticamente una ritorsione. Nessuna domanda, solo distruzione nucleare totale da entrambe le parti. Questo potrebbe non essere così stravagante come sembra. Il sistema è stato originariamente introdotto nell’era sovietica, dove ha assunto la forma di un sistema informatico che ha scansionato le onde radio alla ricerca di segni di vita o ricadute nucleari. In modo allarmante, molti esperti ritengono che possa essere ancora in uso. Come ha sottolineato lo stesso presidente russo Vladimir Putin all’inizio di quest’anno, “nessuno sopravviverebbe” a una guerra nucleare tra Russia e Stati Uniti. Il Buzzer potrebbe scongiurarne uno?

Come accade, ci sono indizi nel segnale stesso. Come tutte le radio internazionali, il Buzzer funziona a una frequenza relativamente bassa nota come “onde corte”. Ciò significa che, rispetto ai segnali della radio locale, del telefono cellulare e della televisione, un numero inferiore di onde attraversa un singolo punto ogni secondo. Significa anche che possono viaggiare molto più lontano. Mentre sarebbe difficile ascoltare una stazione locale come la BBC Radio London in una contea vicina, le stazioni ad onde corte come il BBC World Service sono rivolte al pubblico dal Senegal a Singapore. Entrambe le stazioni vengono trasmesse dallo stesso edificio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

È tutto grazie a “skywaves”. I segnali radio ad alta frequenza possono viaggiare solo in linea retta, finendo per perdersi quando sbattono contro ostacoli o raggiungono l’orizzonte. Ma le frequenze a onde corte hanno un trucco in più: possono rimbalzare su particelle cariche nell’atmosfera superiore, consentendo loro di zig-zag tra la terra e il cielo e viaggiare per migliaia, piuttosto che decine, di miglia. Il che ci riporta alla teoria della mano morta. Come ci si potrebbe aspettare, i segnali a onde corte si sono dimostrati estremamente popolari. Oggi vengono utilizzati da navi, aerei e militari per inviare messaggi attraverso continenti, oceani e catene montuose. Ma c’è un problema.

Lo strato elevato non è tanto uno specchio piatto, ma un’onda, che ondeggia come la superficie dell’oceano. Durante il giorno si sposta costantemente più in alto, mentre di notte striscia verso la Terra. Se vuoi assolutamente garantire che la tua stazione possa essere ascoltata dall’altra parte del pianeta  è importante cambiare la frequenza a seconda dell’ora del giorno , per raggiungere l’altro emisfero. Il BBC World Service lo fa già. Il buzzer no. Un’altra idea è che la stazione radio esista per “sentire” quanto è lontano lo strato di particelle cariche.Per ottenere buoni risultati dai sistemi radar utilizzati dai russi per individuare i missili, è necessario saperlo“, afferma Stupples. Più tempo impiega il segnale a salire e scendere di nuovo, più alto deve essere.

Per analizzare l’altitudine dello strato, il segnale di solito emette un certo suono , come un allarme di un’auto che si attiva, il risultato della variazione delle onde per ottenerle esattamente. “Non suonano per niente come il Buzzer“, dice Stupples. Curiosamente, c’è una stazione con alcune somiglianze sorprendenti. Il “Lincolnshire Poacher” è andato in onda dalla metà degli anni ’70 al 2008. Proprio come il Buzzer, poteva essere ascoltato dall’altra parte del pianeta. Proprio come il Buzzer, proveniva da una località sconosciuta, che si pensava fosse da qualche parte a Cipro. E proprio come il Buzzer, le sue trasmissioni erano semplicemente inquietanti. All’inizio di ogni ora, la stazione suonava le prime due battute di un motivo popolare inglese, il Lincolnshire Poacher.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Oh, è la mia gioia in una notte splendente
Nella stagione dell’anno
Quando ero apprendista legato nel famoso Lincolnshire
“È stato un bene che ho servito il mio padrone per quasi sette anni …”

Dopo aver ripetuto questo 12 volte, passava ai messaggi letti dalla voce disincarnata di una donna che leggeva gruppi di cinque numeri – “1-2-0-3-6” – con un accento inglese di classe superiore. Per capire cosa stava succedendo, è utile tornare agli anni ’20. La All-Russian Co-operative Society (Arcos) era un importante ente commerciale, responsabile della supervisione delle transazioni tra il Regno Unito e la prima Unione Sovietica. O almeno, è quello che hanno detto di aver fatto.

Nel maggio 1927, anni dopo che un agente segreto britannico catturò un impiegato che si intrufolava in un ufficio stampa comunista a Londra, gli agenti di polizia fecero irruzione nell’edificio Arcos. Il seminterrato era stato attrezzato con dispositivi anti-intrusione e hanno scoperto una stanza segreta senza maniglia, in cui i lavoratori stavano bruciando frettolosamente documenti. Potrebbe essere stato drammatico, ma gli inglesi non hanno scoperto nulla che non sapessero già. Invece il raid è stato un campanello d’allarme per i sovietici, che hanno scoperto che l’MI5 li aveva ascoltati per anni.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo è stato un errore di prim’ordine“, afferma Anthony Glees, che dirige il Center for Security and Intelligence Studies presso l’Università di Buckingham. Per giustificare il raid, il primo ministro aveva persino letto alcuni dei telegrammi decifrati alla Camera dei Comuni.
Il risultato è stato che i russi hanno completamente reinventato il modo in cui i messaggi vengono crittografati. Quasi dall’oggi al domani, sono passati a “one-time pad“. In questo sistema, una chiave casuale viene generata dalla persona che invia il messaggio e condivisa solo con la persona che lo riceve. Finché la chiave è davvero perfettamente casuale, il codice non può essere decifrato. Non c’era più bisogno di preoccuparsi di chi poteva ascoltare i loro messaggi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Inserisci i “numeri delle stazioni” – stazioni radio che trasmettono messaggi in codice alle spie di tutto il mondo. Presto anche gli inglesi lo fecero: se non puoi batterli, unisciti a loro, come si suol dire. È abbastanza difficile generare un numero completamente casuale perché un sistema per farlo sarà, per sua stessa natura, prevedibile, esattamente ciò che stai cercando di evitare. Invece gli ufficiali a Londra hanno trovato una soluzione ingegnosa. Appendevano un microfono fuori dalla finestra di Oxford Street e registravano il traffico.Potrebbe esserci un segnale acustico di un autobus nello stesso momento in cui un poliziotto urla. Il suono è unico, non accadrà mai più “, afferma Stupples. Quindi lo convertiranno in un codice casuale.

Ovviamente, questo non ha impedito alle persone di tentare di romperli. Durante la seconda guerra mondiale, gli inglesi si resero conto che potevano, in effetti, decifrare i messaggi, ma avrebbero dovuto mettere le mani sul blocco unico utilizzato per crittografarli. “Abbiamo scoperto che i russi usavano i fogli obsoleti di assorbenti monouso o come carta igienica sostitutiva negli ospedali dell’esercito russo nella Germania orientale“, dice Glees. Inutile dire che gli ufficiali dell’intelligence britannica si trovarono presto a frugare nel contenuto delle latrine sovietiche. Ora anche la Corea del Nord sta entrando in scena. Il nuovo canale di comunicazione era così utile che non ci volle molto prima che i numeri delle stazioni fossero spuntati in tutto il mondo. C’erano le coloratissime “Nancy Adam Susan”, “Russian Counting Man” e “Cherry Ripe” – la stazione sorella del Lincolnshire Poacher, che conteneva anche le battute di una canzone popolare inglese. Almeno nel nome, il Buzzer si adatta perfettamente.

Si adatta anche a una serie di arresti negli Stati Uniti nel 2010. L’FBI ha annunciato di aver smembrato una rete di agenti russi “a lungo termine e di copertura profonda”, che si diceva avessero ricevuto le loro istruzioni tramite messaggi in codice su onde corte. radio – in particolare 7887 kHz. Ora anche la Corea del Nord sta entrando in gioco. Il 14 aprile 2017, l’emittente di Radio Pyongyang ha iniziato: “Sto dando dei lavori di revisione alle lezioni di tecnologia dell’informazione elementare dell’università di istruzione remota per gli agenti di spedizione n. 27″. Questo messaggio militare malcelato era seguito da una serie di numeri di pagina – n. 69 a pagina 823, pagina 957 – che assomigliano molto al codice. Può sorprendere che le stazioni numeriche siano ancora in uso, ma hanno un grande vantaggio. Sebbene sia possibile indovinare chi sta trasmettendo, chiunque può ascoltare i messaggi, quindi non sai a chi vengono inviati. I telefoni cellulari e Internet possono essere più veloci, ma apri un messaggio di testo o un’e-mail da un’agenzia di intelligence nota e potresti essere controllato.

Diventa una stazione di numeri solo nei momenti di crisi, come se la Russia fosse invasa
È un’idea convincente: il Buzzer si è nascosto in bella vista, istruendo una rete di spie russe illegali in tutto il mondo. C’è solo un problema. Il buzzer non trasmette mai messaggi numerati.
Questo non ha molta importanza, dal momento che i blocchi di una volta possono essere usati per tradurre qualsiasi cosa, dalle parole in codice al discorso confuso. “Se questa telefonata fosse crittografata, sentiresti” … enejekdhejenw … “ma poi uscirà dall’altra parte suonando come un discorso normale”, dice Stupples. Ma questo lascerebbe tracce nel segnale. Per inviare informazioni via radio, essenzialmente tutto ciò che stai facendo è variare l’altezza o la spaziatura delle onde trasmesse. Ad esempio, due onde basse di fila significano x, o tre onde più vicine tra loro significano y. Quando un segnale trasporta informazioni, invece di onde pulite e uniformemente distanziate come increspature sull’oceano, ti rimane un’onda come la sagoma frastagliata di un ECG.

Questo non è il cicalino. Molti invece credono che la stazione sia un ibrido di due cose. Il drone costante è solo un indicatore, che dice “questa frequenza è mia, questa frequenza è mia …” per impedire alle persone di usarla. Diventa una stazione di numeri solo nei momenti di crisi, come se la Russia fosse invasa. Quindi funzionerebbe come un modo per istruire la loro rete di spionaggio mondiale e le forze militari in attesa in aree remote. Dopotutto, questo è un paese circa 70 volte più grande del Regno Unito. Sembra che si stiano già esercitando. “Nel 2013 hanno emesso un messaggio speciale, ‘COMMAND 135 ISSUED’ che si diceva fosse un messaggio di prova per la piena prontezza al combattimento“, dice Māris Goldmanis, un appassionato di radio che ascolta la stazione dalla sua casa negli Stati baltici. Il mistero della radio russa potrebbe essere stato risolto. Ma se i suoi fan hanno ragione, speriamo solo che il drone non si fermi mai.

Fonte: bbc.com

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.