Press "Enter" to skip to content

La dieta chetogenica può ridurre il rischio di Alzheimer alterando i funghi intestinali

Come abbiamo già accennato in passato, in altri articoli,gli scienziati hanno trovato associazioni tra funghi che vivono nell’intestino e lieve deterioramento cognitivo, che può portare al morbo di Alzheimer. Suggeriscono che una dieta chetogenica potrebbe aiutare a prevenire la malattia creando un equilibrio più salutare di microrganismi nell’intestino.
Una dieta chetogenica può aiutare a ridurre il rischio di Alzheimer influenzando la popolazione di microrganismi intestinali. L’Alzheimer’s Association riferisce che il 15-20% delle persone sopra i 65 anni soffre di un lieve deterioramento cognitivo (MCI), che comporta un declino della memoria e della capacità di pensare chiaramente.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I medici non considerano l’MCI una forma di demenza perché le persone che ne sono affette sono in grado di funzionare relativamente bene e vivere in modo indipendente. Tuttavia, l’MCI è associato ad un aumentato rischio di malattia di Alzheimer o di un’altra forma di demenza più avanti nella vita. Lo sviluppo di strategie preventive che possono essere avviate precocemente è quindi una priorità. Ma nonostante decenni di ricerca, nessuna terapia ha dimostrato di invertire o prevenire i cambiamenti cerebrali osservati nell’Alzheimer. Una potenziale strategia che gli scienziati hanno iniziato a esplorare prevede la modifica della dieta per influenzare le comunità microbiche nell’intestino.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Esiste un’intima relazione tra il microbioma intestinale e il sistema nervoso centrale , con recenti ricerche che suggeriscono associazioni tra particolari comunità batteriche e disturbi neurologici, tra cui MCI, demenza e Alzheimer. In uno studio recente , gli scienziati della Wake Forest School of Medicine, a Winston-Salem, NC, hanno trovato una “firma” batterica intestinale distintiva nelle persone con MCI. Hanno anche scoperto che una dieta chiamata dieta chetogenica modificata in stile mediterraneo alterava le comunità batteriche nell’intestino dei volontari e riduceva i biomarcatori del morbo di Alzheimer nel liquido cerebrospinale di quelli con MCI.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questa dieta contiene un numero limitato di carboidrati e una maggiore quantità di grassi. Si tratta principalmente di grassi mono e polinsaturi derivati ​​dall’olio d’oliva e dal pesce. Una dieta chetogenica, o “cheto”, contiene pochissimi carboidrati, che il corpo utilizza come carburante. Quando sono a corto di carboidrati, il corpo inizia ad abbattere le sue riserve di grasso per produrre molecole chiamate chetoni, come fonte alternativa di energia. Lo stesso gruppo di ricercatori ora riporta associazioni simili tra le comunità di funghi nell’intestino – chiamate collettivamente microbioma – la dieta della persona e il rischio di MCI.

Riportano le loro scoperte nell’ultimo numero della rivista EBioMedicine. Funghi e salute del cervello: “Sebbene non comprendiamo appieno come questi funghi contribuiscano al morbo di Alzheimer, questo è il primo studio del suo genere a rivelare il loro ruolo nella nostra salute mentale , che speriamo accenda il pensiero nella comunità scientifica per sviluppare una migliore comprensione di loro in relazione al morbo di Alzheimer “, afferma il ricercatore principale Hariom Yadav, assistente professore di medicina molecolare alla Wake Forest.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Indica anche che abitudini alimentari come una dieta chetogenica possono ridurre i funghi dannosi nell’intestino, il che potrebbe aiutare a ridurre i processi della malattia di Alzheimer nel cervello”, spiega. I ricercatori hanno assegnato in modo casuale 17 adulti più anziani a mangiare una dieta chetogenica in stile mediterraneo (MMKD) per 6 settimane o la dieta dell’American Heart Association , che è relativamente povera di grassi e ricca di carboidrati. Undici dei partecipanti avevano MCI e sei non avevano problemi cognitivi. La loro età media era di 65 anni. Il team ha fornito a ciascun partecipante assegnato alla MMKD 2 litri di olio extravergine di oliva e li ha incoraggiati a mangiare pesce, carni magre e cibi ricchi di nutrienti. Dopo un periodo di “washout” di 6 settimane durante il quale i partecipanti hanno mantenuto le loro diete regolari, sono passati alle diete assegnate dallo studio per 6 settimane. Gli scienziati hanno monitorato i cambiamenti nei microbiomi dei partecipanti analizzando campioni fecali e i cambiamenti nei biomarcatori dell’Alzheimer valutando il liquido cerebrospinale.

All’inizio dello studio, i microbiomi dei partecipanti con MCI avevano una firma distintiva, contenente più di alcuni tipi di funghi e meno di altri, rispetto a quelli degli altri partecipanti. Come previsto, l’MCI era associato a un profilo ad alto rischio dei biomarcatori dell’Alzheimer nel liquido cerebrospinale. In linea con i risultati precedenti, a seguito di una MMKD sembrava migliorare questo profilo di rischio. È interessante notare che le persone con MCI inizialmente avevano una minore diversità di funghi nelle loro viscere, rispetto ai partecipanti sani, ma mangiare un MMKD sembrava ripristinare la diversità.

I ricercatori notano che i cambiamenti nelle popolazioni di batteri intestinali di individui con MCI che hanno mangiato un MMKD – che avevano riportato nel loro studio precedente – potrebbero aver avuto effetti a catena sui funghi. Alcune specie di batteri producono sostanze note per sopprimere la crescita di alcuni funghi. Gli autori riferiscono che questo potrebbe spiegare perché mangiare un MMKD ha soppresso un genere di funghi chiamato Candida nelle viscere dei partecipanti con MCI. La candida è stata implicata in una serie di malattie infiammatorie dell’intestino, tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa. Si ritiene ora che l’infiammazione svolga un ruolo importante anche nella malattia di Alzheimer. Sopprimendo la Candida e riducendo l’ infiammazione , affermano i ricercatori, mangiare un MMKD può aiutare a ridurre il rischio di Alzheimer.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli autori riconoscono che il loro studio aveva alcuni limiti chiave. In primo luogo, mentre i ricercatori consigliavano alle persone di mangiare determinate diete, non hanno monitorato i partecipanti per questo. Era anche uno studio pilota con un campione di piccole dimensioni, che rendeva impossibile tenere conto di altre variabili che potrebbero influenzare il rischio di Alzheimer e la popolazione dei microrganismi intestinali, come stile di vita, sesso ed etnia. Inoltre, la firma unica di funghi e batteri intestinali che si trovano negli individui con MCI può essere il risultato del problema di salute, piuttosto che una delle sue cause. Infine, i cambiamenti nel microbioma osservati nei partecipanti assegnati alla dieta cheto potrebbero essere stati transitori, a causa della presenza di funghi nel cibo.

Fonte: medicalnewstoday.com

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

- Prosegue dopo la pubblicità -
error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.