Radioattività nel miele americano: “resti dei test nucleari della Guerra Fredda”

Tracce di ricadute radioattive dai test nucleari negli anni ’50 e ’60 possono ancora essere trovate nel miele americano, rivela una nuova ricerca. L’isotopo radioattivo identificato, il cesio-137, scende al di sotto dei livelli considerati nocivi, ma le quantità misurate sottolineano comunque la persistente persistenza dei contaminanti ambientali dell’era nucleare, anche mezzo secolo dopo la fine dei test internazionali di bombe:

“C’è stato un periodo in cui abbiamo testato centinaia di armi nucleari nell’atmosfera”, ha spiegato lo scorso anno nei commenti sulla ricerca il ricercatore capo Jim Kaste, un geochimico ambientale presso la William & Mary University di Williamsburg, in Virginia . “Quello che ha fatto è stato mettere una coltre di questi isotopi nell’ambiente durante un periodo di tempo molto ristretto”. Uno di questi isotopi era il cesio-137, un sottoprodotto della fissione nucleare che coinvolge la reazione di uranio e plutonio, che spesso è possibile ritrovare in tracce nelle fonti alimentari a causa di tale contaminazione nucleare dell’ambiente. Alcune di queste tracce sono molto più deboli di altre, ha scoperto Kaste, ma solo per caso, come è successo, dopo aver assegnato ai suoi studenti un incarico per le vacanze di primavera nel 2017. Per dimostrare alla sua classe come i contaminanti radioattivi provenienti dai test nucleari della metà del XX secolo persistessero ancora nell’ambiente oggi, Kaste ha chiesto ai suoi studenti di riportare cibi di provenienza locale da dove trascorrevano le vacanze. Come previsto, vari campioni di frutta, noci e altri alimenti hanno rivelato tracce molto deboli di cesio-137 quando misurati con un rilevatore di gamma, ma anche Kaste non era preparato per quello che è successo quando ha eseguito lo stesso test con un barattolo di miele da un mercato agricolo della Carolina del Nord:

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’ho misurato di nuovo perché pensavo che fosse successo qualcosa al container o che il mio rilevatore fosse impazzito”riferisce Kaste. “Ho riprodotto la misurazione. Ed era, ancora una volta, 100 volte più caldo di qualsiasi altro alimento”. Per scoprire perché il miele ha registrato livelli così elevati di cesio-137, Kaste e il suo team (incluso uno dei suoi studenti) hanno iniziato a testare campioni di miele crudo, puro e non filtrato prodotto localmente da mercati e apicoltori situati negli Stati Uniti orientali. Dei 122 campioni di miele testati, 68 hanno mostrato tracce rilevabili dell’isotopo radioattivo, un’eredità di test nucleari atmosferici condotti da Stati Uniti, Unione Sovietica e altre nazioni durante l’era della Guerra Fredda. La maggior parte delle detonazioni si è verificata sopra le Isole Marshall nell’Oceano Pacifico e Novaya Zemlya, un arcipelago artico nel nord della Russia, con altri test condotti nel New Mexico e nel Nevada. Secondo i ricercatori, l’effetto cumulativo di oltre 500 di queste detonazioni di prova ha rilasciato nell’atmosfera più radiazioni ionizzanti rispetto a qualsiasi altro evento nella storia umana, non che tutte le esplosioni avessero la stessa portata.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sappiamo che la produzione di cesio 137 dai siti del Pacifico e della Russia è stata più di 400 volte superiore alla produzione delle esplosioni in New Mexico e Nevada”dice Kaste. “Una singola bomba russa, la bomba dello zar, era 50 volte più potente di tutti i test del Nevada e del New Mexico messi insieme“. Anche se non c’è modo di sapere quale di queste esplosioni abbia prodotto la ricaduta che può ancora essere trovata negli alimenti americani oggi, possiamo almeno spiegare come l’isotopo potrebbe disperdersi così in lungo e in largo. “Molte delle detonazioni aeree erano così potenti che dozzine di prodotti di fissione radioattivi sono stati iniettati nella stratosfera e distribuiti a livello globale con un tempo di permanenza di [circa] un anno prima della deposizione principalmente per pioggia”, spiegano Kaste e altri ricercatori in un nuovo studio. La presenza di inquinamento radioattivo derivante dai test nucleari è globalmente onnipresente e rilevabile in ogni continente e persino nelle trincee oceaniche profonde”.

Non solo pioggia

Sebbene l’inquinamento possa essere onnipresente a livello globale, gli alti livelli di cesio-137 del miele rispetto ad altre fonti di cibo mostrano che la ricaduta sembra concentrarsi in modi inaspettati, ma ora possiamo spiegare anche questo mistero. La pioggia potrebbe essere la forza predominante che estrae il cesio 137 dall’atmosfera e si deposita sulla superficie terrestre, ma i campioni di miele che registrano le quantità più elevate di isotopo radioattivo non sono stati prodotti nelle regioni degli Stati Uniti che ricevono la maggior parte delle precipitazioni. Piuttosto, i mieli con i livelli più alti sono risultati provenire da luoghi negli Stati Uniti dove il suolo ha bassi livelli di potassio, che le piante assorbono come fonte di nutrienti per alimentare una serie di processi metabolici. Il potassio ed il cesio condividono una serie di somiglianze atomiche e quando le piante in un terreno povero di potassio non riescono a mantenere livelli sufficienti del loro nutriente preferito, assorbiranno invece il cesio, anche se è della varietà instabile e radioattiva. Di conseguenza, l’isotopo trova la sua strada nel nettare delle piante, che viene poi passato alle api, che a loro volta aumentano la concentrazione di cesio-137 quando producono il miele. Che poi si fa strada nella tua casa. Il fenomeno è stato precedentemente osservato sulla scia di eventi come il disastro di Chernobyl, ma tale è l’emivita duratura delle particelle radioattive, che può ancora essere osservata anche diversi decenni dopo, e in luoghi situati a migliaia di chilometri di distanza dal sito dei test nucleari originali in questione.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se c’è un rivestimento positivo in questa scoperta sconvolgente, è che nessuno dei livelli di cesio-137 rilevati oggi nel miele è considerato dannoso per l’uomo, scendendo al di sotto della  soglia di radioattività di 50-100 becquerel per chilogrammo. Tuttavia, decenni fa, la stessa ricaduta tossica sarebbe stata più fresca e potenzialmente più pericolosa per la salute umana, per non parlare anche di altri organismi. Quello che vediamo oggi è una piccola frazione della radiazione che era presente durante gli anni ’60 e ’70”dice Kaste .

- Prosegue dopo la pubblicità -

“E non possiamo dire con certezza se il cesio-137 abbia qualcosa a che fare con il collasso delle colonie di api o il declino della popolazione”. Negli ultimi anni, la continua scomparsa di api e altri insetti impollinatori ha suscitato molta preoccupazione negli ambienti scientifici , e mentre i test nucleari della Guerra Fredda non sono spesso considerati un fattore primario del problema, non possiamo permetterci di ignorare che anche essi potrebbero rappresentarlo“Dato che gli insetti impollinatori forniscono servizi vitali all’ecosistema mondiale e sono essenziali per mantenere la sicurezza alimentare globale, sono necessarie ulteriori ricerche per aiutarci a capire meglio come l’inquinamento ionizzante minaccia la loro salute e sopravvivenza“, scrivono i ricercatori. I risultati sono stati pubblicati su Nature Communications. A tal proposito, riportiamo qui sotto il link ad un video diffuso su YouTube che affronta l’argomento:

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.