Il caffè protegge da alcune malattie croniche? Ecco i risultati di recenti di alcuni studi

Il gusto e l’odore inconfondibili del caffè, per non parlare della sua capacità di rianimare le persone al mattino, l’hanno resa una delle bevande più apprezzate al mondo. Meglio ancora, studi osservazionali indicano che il caffè può proteggere dalle malattie cardiovascolari, dal diabete, dal morbo di Parkinson e da alcuni tipi di cancro.Studi prospettici, che seguono le persone nel tempo, hanno dimostrato che bere questa bevanda è sicuro per la maggior parte delle persone ed è associato a tassi di mortalità inferiori. Tuttavia, un nuovo studio suggerisce che alcuni dei presunti benefici per la salute del caffè per la salute cardiovascolare potrebbero essere stati esagerati. La ricerca era limitata ai partecipanti britannici bianchi.

A causa della caffeina contenuta nel caffè, un consumo eccessivo può causare sintomi spiacevoli come tachicardia (una frequenza cardiaca a riposo veloce) e palpitazioni. Bere caffè può anche portare a un aumento moderato e temporaneo della pressione sanguigna. Quindi può sorprendere che i bevitori regolari di caffè abbiano una pressione sanguigna normale o ridotta rispetto alle persone che non bevono caffè. Una spiegazione potrebbe essere che i bevitori di caffè sviluppano una tolleranza fisiologica per gli effetti della caffeina.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ma un nuovo studio suggerisce che le persone con un alto rischio genetico di malattie cardiovascolari riducono inconsciamente quanto bevono per evitare spiacevoli sintomi cardiovascolari. La ricerca ha rilevato che le persone con ipertensione, angina o aritmia bevevano meno caffè con caffeina ed erano più propense a bere caffè decaffeinato. Fondamentalmente, c’era una forte evidenza che la loro vulnerabilità genetica alle malattie cardiovascolari portava a un loro ridotto consumo di caffè. Ciò esclude la spiegazione alternativa secondo cui consumare meno caffè li rende più vulnerabili alle malattie cardiovascolari.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I ricercatori dell’Università del South Australia ad Adelaide hanno condotto lo studio, che appare in L’American Journal of Clinical Nutrition. “Sia che beviamo molto caffè, poco o che evitiamo del tutto la caffeina, questo studio mostra che la genetica sta guidando le nostre decisioni per proteggere la nostra salute cardio“, la professoressa Elina Hyppönen , che ha guidato la ricerca e dirige l’Australian Center for Precision Health a l’Università. “Se il tuo corpo ti sta dicendo di non bere quella tazza di caffè in più, probabilmente c’è un motivo per cui”, aggiunge. “Ascolta il tuo corpo: è più in sintonia con la tua salute di quanto tu possa pensare.

In studi osservazionali , questo effetto potrebbe dare la falsa impressione che il caffè prevenga l’ipertensione e protegga il cuore. In realtà, le persone vulnerabili all’ipertensione possono semplicemente evitare di bere caffè perché, per loro, è più probabile che la caffeina causi sintomi spiacevoli. Gli scienziati hanno attinto alle informazioni su 390.435 partecipanti bianchi britannici di età compresa tra 39 e 73 anni che fanno parte di un database medico e genetico chiamato UK Biobank . Al momento del reclutamento, i partecipanti hanno segnalato il loro consumo regolare di caffè. I ricercatori hanno anche misurato la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca e hanno notato eventuali sintomi cardiovascolari.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I partecipanti con ipertensione, angina o aritmia hanno consumato meno caffè con caffeina rispetto a quelli senza questi sintomi. Per determinare se il consumo regolare di caffè abbia causato i sintomi o se i sintomi abbiano innescato una riduzione del consumo di caffè, i ricercatori hanno utilizzato una tecnica statistica chiamata Randomizzazione mendeliana. Questa tecnica sfrutta l’eredità casuale di varianti genetiche che aumentano il rischio di una persona di un particolare risultato più avanti nella vita – in questo caso, l’associazione tra pressione sanguigna e frequenza cardiaca con il consumo abituale di caffè.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Poiché fattori, come lo stile di vita o la dieta, non possono modificare la sequenza genetica di una persona, qualsiasi associazione scoperta dai ricercatori deve essere dovuta alle varianti genetiche piuttosto che ad altri fattori. Quando hanno analizzato i dati, è emerso che avere una particolare variante genetica determinava la quantità di caffè che una persona beveva. “Ciò significa che qualcuno che beve molto caffè è probabilmente più geneticamente tollerante nei confronti della caffeina, rispetto a qualcuno che beve molto poco“, afferma il prof. Hyppönen. “Al contrario, un non bevitore di caffè, o qualcuno che beve caffè decaffeinato, è più incline agli effetti negativi della caffeina e più suscettibile all’ipertensione“, aggiunge.

Medical News Today ha chiesto al Prof. Hyppönen se gli effetti psicologici che alcune persone sperimentano quando bevono molto caffè, come ansia e agitazione, potrebbero anche svolgere un ruolo. “Questo non è qualcosa che abbiamo esaminato nel nostro studio, ma qualsiasi sensazione spiacevole che un individuo prova in risposta al consumo di caffè ridurrà probabilmente il suo desiderio di bere caffè“, ha detto il prof. Hyppönen. MNT ha chiesto al dottor Edo Paz, un medico presso piattaforma digitale di assistenza primaria K Health , sugli effetti del consumo eccessivo di caffè. Lui ha risposto:
bere troppo caffè può provocare mal di testa, ansia, tremori e difficoltà a dormire. Per quanto riguarda il cuore, in particolare, l’eccessiva assunzione di caffè può provocare palpitazioni e può innescare eventi nel cuore, come ritmi cardiaci anormali, in soggetti predisposti “.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il problema della causalità inversa
I risultati della nuova ricerca suggeriscono che gli studi osservazionali che hanno trovato un’associazione tra il consumo di caffè e una migliore salute potrebbero essere caduti preda di ” causalità inversa “. In altre parole, i problemi di salute del cuore hanno portato le persone a bere meno caffè, piuttosto che il contrario. Il professor Hyppönen ha detto che gli studi sulla randomizzazione mendeliana hanno messo in dubbio altri effetti protettivi apparenti.

Ad esempio, studi epidemiologici hanno portato le persone a dedurre che il consumo moderato di alcol protegge dalle malattie cardiovascolari e che l’eccesso di peso riduce la mortalità rispetto al peso moderato. “Secondo gli studi [di randomizzazione mendeliana], non sembra esserci alcun vantaggio nell’avere un peso [in eccesso] rispetto a un peso [magro o moderato], con la possibile eccezione per i fumatori“, ha detto. Il fumo riduce l’appetito e quindi il peso, ma ha anche legami con una vasta gamma di effetti negativi sulla salute.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Anche per l’alcol, [le] prove suggeriscono aumenti lineari della pressione sanguigna e del rischio di ictus, senza alcun beneficio per il consumo leggero di alcol”, ha aggiunto. Sebbene siano necessari ulteriori studi utilizzando una popolazione più diversificata, questo studio suggerisce di utilizzare un approccio ponderato e personalizzato quando si promuove un elevato consumo di caffè.

Fonte: medicalnewstoday.com

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.