La tragica storia di Mary Ann Bevan, la “donna più brutta del mondo” divenuta “la donna più coraggiosa”

Dopo che una bella donna inglese di nome Mary Ann Bevan ha sviluppato l’acromegalia, è stata costretta a esibirsi in spettacoli collaterali e circhi per sostenere la sua famiglia all’inizio del XX secolo. Conosciuta come la “Donna più brutta del mondo“, è apparsa  nei baracconi dell’epoca per sostenere economicamente i suoi figli. Mary Ann Bevan non è sempre stata “brutta”. Nata alla periferia di Londra alla fine del XIX secolo, sembrava più o meno la stessa di qualsiasi altra giovane donna dell’epoca ed era persino considerata attraente.

Tutto cambiò quando, nell’età adulta e ormai madre di quattro figli, iniziò a manifestarsi in lei una rara malattia deturpante. Dopo solo pochi anni, i suoi lineamenti, mani e piedi erano distorti oltre ogni riconoscimento e, senza altra soluzione, Bevan ha sfruttato il suo aspetto per guadagnarsi da vivere. Questa è la storia di nome Mary Ann Bevan è diventata la donna più brutta del mondo, una delle figure più tragiche dell’attività un tempo fiorente, per mantenere se stessa e la sua famiglia.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I primi anni di vita di Mary Ann Bevan
Mary Ann Webster nacque il 20 dicembre 1874 da una famiglia numerosa all’estremità orientale di Londra. Durante la sua infanzia, non era diversa dai suoi fratelli e alla fine si qualificò come infermiera nel 1894 prima di sposare Thomas Bevan, un contadino della contea del Kent, nel 1903.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I Bevan si stabilirono in una vita felice e fruttuosa e il matrimonio produsse due figli e due figlie, tutti sani. Purtroppo, Thomas morì improvvisamente nel 1914, lasciando Mary con quattro figli da mantenere con il suo piccolo reddito. Non molto tempo dopo la perdita del marito, iniziò a mostrare segni di acromegalia, un disturbo caratterizzato dalla sovrapproduzione di ormoni della crescita nelle ghiandole pituitarie. L’acromegalia è una delle condizioni ipofisarie più rare e oggi può essere trattata se rilevata abbastanza presto. Tuttavia, sotto i limiti della medicina dell’inizio del XX secolo, Bevan non aveva modo di curare o prevenire la condizione e presto scoprì che i suoi lineamenti cambiavano in modo irriconoscibile.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’acromegalia comporta diversi rischi per la salute, che vanno dall’apnea notturna a un aumentato rischio di malattie cardiovascolari e disturbi renali. Come risultato delle sue condizioni, le mani e i piedi altrimenti normali di Bevan crebbero a dismisura, la sua fronte e la mascella inferiore si gonfiarono verso l’esterno e il suo naso divenne visibilmente più grande. Il suo aspetto mutevole rendeva difficile trovare e mantenere un lavoro e ricorreva a lavori saltuari per provvedere alla sua famiglia.

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

La rara condizione l’ha lasciata permanentemente sfigurata. Anni dopo, un ex lavoratore di una fiera affermò che era stato un agricoltore per il quale lavorava a dire a Bevan che “tutto ciò per cui [era] adatta [era] la competizione della donna brutta”. Prendendo a cuore le parole dell’agricoltore, Bevan ha presto partecipato a un concorso “La donna più brutta ” e ha battuto facilmente 250 concorrenti per guadagnare il titolo dubbio. La sua vittoria l’ha portata all’attenzione dei proprietari di baraccopoli e, poiché il suo medico le ha assicurato che le sue condizioni sarebbero solo peggiorate, ha deciso di trarne vantaggio per il bene dei suoi figli. Ben presto, ha avuto un lavoro regolare in una fiera itinerante, apparendo nei centri fieristici di tutte le isole britanniche.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel 1920, Bevan rispose a un annuncio su un giornale londinese con la scritta “Cercasi: la donna più brutta. Niente di ripugnante, mutilato o sfigurato. Buona paga garantita e lungo impegno per il candidato prescelto. Invia una fotografia recente. L’annuncio era stato pubblicato da un agente britannico per il circo di Barnum e Bailey, che ha scoperto che aveva “quello che potrebbe sembrare un paradosso, il volto di una donna brutta che non era sgradevole“.

Dopo aver inviato all’agente una foto scattata appositamente per l’occasione, Bevan è stato invitata a partecipare al baraccone al parco divertimenti Dreamland di Coney Island, all’epoca uno dei luoghi più grandi al mondo per gli artisti del baraccone. L’attrazione è nata da un’idea del senatore William H. Reynolds e del promotore Samuel W. Gumpertz, una delle figure più prolifiche nella storia del baraccone, e che in seguito ha lavorato con Harry Houdini.

- Prosegue dopo la pubblicità -

È stata presentata insieme ad altri importanti spettacoli da baraccone tra cui Lionel, The Lion-Faced Man, Zip the “Pinhead” e Jean Carroll, the Tattooed Lady. I visitatori di Dreamland sono stati invitati a guardare a bocca aperta i 154 libbre che portava sul suo telaio da 5′ 7″, così come i suoi piedi di 11 piedi e le mani di 25. Bevan sopportò con calma il trattamento umiliante.Sorridendo meccanicamente, offriva in vendita cartoline illustrate di se stessa“, assicurandosi così denaro sufficiente per sé e per l’istruzione dei suoi figli.

Con il passare degli anni, Mary Ann Bevan ha continuato ad attirare folle e si è anche esibita con il famoso spettacolo Ringling Bros. e Barnum & Bailey. È riuscita nel suo obiettivo di provvedere anche ai suoi figli: in soli due anni di esibizione a New York, ha guadagnato £ 20.000, circa equivalente a $ 1,6 milioni nel 2022.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Bevan aveva anche amici dentro e fuori dalla folla del baraccone e ha trovato il tempo per l’amore. Mentre si esibiva al Madison Square Garden nel 1929, iniziò una storia d’amore con un guardiano di giraffe noto solo come Andrew. Ha persino accettato di sottoporsi a un restyling in un salone di bellezza di New York, dove le estetiste le hanno fatto una manicure e un massaggio, le hanno stirato i capelli e le hanno applicato il trucco sul viso.

Alcune persone sostenevano crudelmente che “il rossetto, la cipria e il resto erano fuori posto sul volto di Mary Ann come le tende di pizzo sugli oblò di una corazzata“. La stessa Mary Ann, tuttavia, vedendo la sua immagine riflessa, disse semplicemente: “Penso che tornerò al lavoro“.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Bevan ha continuato a lavorare a Coney Island per i suoi ultimi anni, finché alla fine è morta all’età di 59 anni il 26 dicembre 1933. È stata restituita in patria per il suo funerale e sepolta nel cimitero di Brockley e Ladywell nel sud-est di Londra. Per anni, Mary Ann Bevan è rimasta un oscuro ricordo noto solo agli appassionati di storia da baraccone fino a quando, all’inizio degli anni 2000, la sua immagine è stata usata beffardamente su una Hallmark card. Dopo che sono state sollevate obiezioni per averla sottoposta a ulteriore umiliazione, la carta è stata interrotta.

 

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.