Scoperta impronta digitale di Michelangelo nascosta su una delle sue sculture?

Le presunte impronte digitali di Michelangelo Buonarroti custodite nel Victoria and Albert Museum di Londra sono state oggetto di un dibattito tra gli storici dell’arte:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli esperti del Victoria and Albert Museum (V&A) di Londra hanno scoperto quella che potrebbe essere l’impronta digitale di Michelangelo su una scultura in cera attribuita all’artista rinascimentale. Lo staff ha svelato la scoperta nel primo episodio della nuova stagione di “Secres of the Museum ”, una serie di documentari della BBC Two sul V&A. Come riporta David Sanderson per il London Times , i conservatori hanno fatto la scoperta dopo aver spostato la statua, intitolata A Slave (“Lo Schiavo“, circa 1516–19), da una galleria al piano superiore a un deposito sotterraneo più freddo mentre il museo era chiuso durante la pandemia di Covid-19. Parlando con il Times, la curatrice senior Peta Motture afferma che i modelli di cera “iniziano a sudare e sembrano a disagio” quando le temperature aumentano, il che significa che i dipendenti “diventano ansiosi” per la loro sicurezza durante i periodi di caldo. Quando il personale ha esaminato la statua dopo cinque mesi di conservazione, ha notato una piccola impronta digitale sulle natiche della figura:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Gli studiosi ipotizzano che il cambiamento delle temperature e dei livelli di umidità abbia innescato cambiamenti nella composizione chimica della cera, rendendo la marcatura più evidente. “È una prospettiva entusiasmante che una delle stampe di Michelangelo possa essere sopravvissuta nella cera”, afferma Motture in una nota . “Tali segni suggerirebbero la presenza fisica del processo creativo di un artista. È dove mente e mano in qualche modo si uniscono. … Un’impronta digitale sarebbe una connessione diretta con l’artista.”

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Michelangelo creò la statuina come modello per una scultura in marmo più grande commissionata per la tomba incompiuta di Papa Giulio II , scrive Sarah Cascone per Artnet News . Inizialmente l’artista prevedeva di includere 40 statue nel progetto. Sebbene Michelangelo iniziò a scolpire la statua a grandezza naturale, non portò mai a termine il progetto. (La figura incompleta, una delle quattro della sua serie Prisoners , è ora ospitata alla Galleria dell’Accademia di Firenze.) Secondo un post sul blog del V&A , il modello in cera offre spunti sul processo creativo dell’artista, poiché ha distrutto la maggior parte dei suoi altri studi preparatori sulle cere. Alcuni di questi modelli sopravvissero perché i contemporanei dell’artista, tra cui lo scrittore e collega artista Giorgio Vasari, collezionarono i suoi studi e disegni. Nelle Vite degli artisti Vasari scrive che lo scultore faceva modelli in cera “così si devono scolpire nel marmo le figure con lo scalpello, [con] le parti in altissimo rilievo… rivelate prima e poi a poco a poco le parti inferiori .” In alcuni casi, osserva il V&A, i modelli in cera sono opere d’arte a tutti gli effetti. “Non è mai stato concepito per durare, questo è ciò che lo rende affascinante e davvero straordinario“, dice la conservatrice Victoria Oakley ad Anita Singh del Telegraph . L’artista probabilmente non aveva idea che sarebbe sopravvissuto per molti altri secoli oltre a lui.”

La sopravvivenza della statua è ancora più impressionante dato che ha già subito un incidente straziante: nel 1924, un frequentatore del museo cadde e fece cadere la statuetta, frantumandone gli arti in frammenti, secondo il Telegraph. Gli esperti hanno restaurato scrupolosamente il pezzo, che rimane relativamente intatto un secolo dopo, anche se da allora è apparsa una macchia sulla sua superficie. Come riporta il Times , lo staff del V&A intende dare “uno sguardo molto più attento” all’impronta digitale nella speranza di verificarne il proprietario e, per estensione, l’autenticità del modello in cera. È noto che una scultura in terracotta intitolata Due lottatori (1530) porta l’impronta digitale di Michelangelo e potrebbe fornire un punto di confronto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: https://www.smithsonianmag.com/smart-news/fingerprint-renaissance-wax-sculpture-michelangelo-victoria-albert-museum-180978168/

#michelangelobuonarroti #arte #improntadigitale #storia

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.