Zuccheri negli alimenti: 40 tipologie differenti nascondono le quantità che assumiamo giornalmente

Gli zuccheri sono ovunque non solo nei prodotti dolciari, l’industria alimentare ne fa un uso eccessivo, anche nei prodotti salati e utilizza dolcificanti di diverse tipologie.
Lo zucchero assunto in modo eccessivo è sicuramente dannoso per il nostro organismo e con l’industria alimentare che ne utilizza a sproposito ovunque è difficile rendersi conto di quanto ne assumiamo, anche perchè è difficile anche riconoscerlo tra le mille sigle che dovrebbero indicarlo.

Per questo bisogna far attenzione a tutte le sigle che vengono riportare sulle confezioni dei prodotti:
da un’indagine de Il Fatto Alimentare, sono circa 40 le sostanze utilizzate dalle aziende per addolcire il cibo e 40 sono anche le sigle che le indicano.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Quello più diffuso è senza dubbio il saccarosio a cui sono legati zucchero di canna e lo zucchero invertito. Poi troviamo il fruttosio, il glucosio,il miele, zucchero di latte e derivati. Poi ci sono i derivati dell’amido:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Maltosio, che si trova nella birra e ma anche nel pane;
Maltodestrine, presente in gelato e sorbetti, cibi pronti e integratori sportivi
Destrine, possibile trovarli nei farmaci
Sciroppo di glucosio, usato in pasticceria e prodotti da forno
Sciroppo di fruttosio, sciroppo di fruttosio concentrato, sciroppo di glucosio-fruttosio, sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, sciroppo di amido con fruttosio: sono prodotti molto simili che vegom utilizzati nelle bevande dolcificate.
Sciroppo di malto, considerato un dolcificante naturale, può essere di orzo, riso, mais o frumento
Succo zucchero disidratato
Succo zuccherato evaporato

Poi ci sono le alternative naturali, a cui però bisogna comunque fare attenzione, perchè sempre di zucchero si parla:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Miele
Succo di frutta concentrato
Melassa
Zucchero d’uva
Succo di mele concentrato
Succo di pera concentrato
Sciroppo d’acero
Sciroppo di riso
Sciroppo di sorgo
Sciroppo d’agave
Zucchero di betulla

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questi ultimi sarebbero meno dannosi, secondo il Fatto, perché contengono comunque meno calorie “influenza solo marginalmente la glicemia”. Occhio invece asciroppo d’agave, miele e succo di pera concentrato, ricchi di fruttosio.

In ultimo troviamo i dolcificanti, naturali e artificiali. Tra i primi troviamo la stevia, la più nota dell’elenco, che viene presentata in etichetta anche come “glicosidi stevolioci” o “stevioside”. Per il Fatto, ha “un ottimo potere dolcificante e un apporto calorico pari a zero”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Tra gli zuccheri derivati dal glucosio, ma con un potere calorico inferiore, troviamo poi:
Sorbitolo, presente in caramelle o gomme da masticare
Xilitolo,caramelle o gomme di masticare
Mannitolo, prodotti da forno
Isomalto, in pasticceria per realizzare decorazioni
Maltitolo
Questi ultimi sembrerebbero meno calorici, perchè d’origine vegetale.

Tra quelli artificiali ricordiamo: la saccarina, il famigerato aspartame, l’acesulfame K, i ciclammati e il sucralosio.
Quali sono i limiti di assunzione di zucchero giornalieri? Per l’Organizzazione mondiale della Sanità, dovremmo contenere l’assunzione di zuccheri aggiunti entro i 25 grammi giornalieri.
In Italia i limiti sono un po’ più larghi, considerando anche gli zuccheri preseni naturalmente negli alimenti: 75 grammi circa

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per quanto riguarda i danni che gli zuccheri eccessivi possono provocare al nostro organismo, in primo luogo ricordiamo le carie ai denti, l’obesità,diabete, tumori,problemi al cuore, problemi al fegato. Ansia, depressione,memoria,apprendimento.
Quindi limitare e conoscere l’assunzione di zucchero giornaliero può migliorare la nostra salute.

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.