Press "Enter" to skip to content

Rari tessuti e manoscritti del XVI secolo estratti da nidi di topi nella casa padronale inglese

Diverse centinaia di anni fa, i ratti avari di Oxburgh Hall a Norfolk, in Inghilterra, raccolsero ritagli di tessuto e manoscritti da tutta la casa e li usarono per assemblare due nidi piuttosto opulenti sotto le assi del pavimento.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I nidi abbandonati da tempo sono rimasti indisturbati fino a quest’anno, quando un massiccio restauro della casa padronale ha richiesto un’indagine approfondita di tutti i suoi angoli nascosti. Il Guardian riferisce che il National Trust non ha potuto disporre di un team completo a causa della pandemia di coronavirus e il lavoro è ricaduto principalmente su un archeologo freelance di nome Matthew Champion. Con l’aiuto del team di costruzione, Champion ha sollevato le assi del pavimento e ha sondato ogni centimetro di spazio usando la punta delle dita.

- Prosegue dopo la pubblicità -

E lì, nell’angolo nord-ovest di Oxburgh, ha scoperto i nidi. Secondo un comunicato stampa del National Trust , le dimore dei roditori sono state riempite con più di 200 frammenti tessili dal 1500 al 1700. Tra la seta, il raso, il velluto, la lana ricamata e altri tessuti c’erano altre sorprese: brandelli di pagine stampate e persino musica scritta a mano del XVI secolo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La curatrice del National Trust Anna Forest con in mano un po ‘di bottino di topi (seta marrone ricamata in oro). – NATIONAL TRUST, MIKE HODGSON

- Prosegue dopo la pubblicità -

È stato un lavoro assolutamente sporco, e non c’è niente come passare tutto il giorno coperto di schifezze per incoraggiare le distanze sociali“, ha detto Champion su Twitter. Il tesoro rubato dei topi non era l’unica scoperta di Champion. Ha anche portato alla luce una scatola di cioccolatini vuota, involucri inclusi, dell’era della seconda guerra mondiale – che ha ipotizzato potrebbe essere stato “contrabbando razionato” – centinaia di spille e altri materiali da cucito, sigilli di cera e manoscritti ritagliati che avrebbero potuto essere riutilizzati come cartamodelli. Poiché le assi non venivano sollevate da secoli, gli oggetti erano straordinariamente ben conservati.

Chi di noi non ha smontato una scatola di cioccolatini e nascosto le prove? –IMMAGINI DEL NATIONAL TRUST, MATT CHAMPION

I due manufatti più preziosi sono stati entrambi scavati dai membri della squadra di costruzione. Come ha raccontato Champion su Twitter, un costruttore di nome Rob Jessop ha estratto un foglio di carta dai detriti circostanti e ha chiesto: “È qualcosa?” Sicuramente lo era. La curatrice del National Trust Anna Forest si è consultata con lo specialista di manoscritti medievali della Cambridge University Library, il dottor James Freeman, e ha concluso che la pagina – stampata con il salmo latino ” Expectans Expectaui ” – potrebbe provenire da un libro di salmi del XV secolo o da un libro devozionale privato . E poiché la pagina è decorata con inchiostro blu e oro, invece dei soliti blu e rosso, sarebbe costato un bel penny. L’altra scoperta più emozionante fu un’edizione quasi completa del 1568 de I Kynges Psalmes , alcuni dei cui frammenti erano finiti in uno dei nidi dei topi.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I Kynges Psalmes , scritti da Saint John Fisher e forse nascosti da un Bedingfeld.
NATIONAL TRUST

Insieme, i manufatti rivelano molto sui Bedingfields, la famiglia fondatrice di Oxburgh Hall. Sir Edmund Bedingfield costruì il maniero alla fine del 1400 e la famiglia era molto stimata nella corte reale fino a quando Sir Henry Bedingfield non rifiutò di approvare l’Atto di uniformità del 1559 che vietava la Messa Cattolica. Come evidenziato dai manoscritti cattolici trovati a Oxburgh, generazioni di Bedingfields ha continuato a praticare il cattolicesimo; è possibile che abbiano persino nascosto intenzionalmente i loro libri di preghiere per evitare la persecuzione. Quando il progetto di ristrutturazione sarà completo, il National Trust prevede di esporre alcuni dei “ritrovamenti di stelle” a Oxburgh Hall in modo che i visitatori possano vederli di persona.

Fonte: mentalfloss.com

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

- Prosegue dopo la pubblicità -

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.