Una classe di farmaci per la pressione sanguigna aumenta il rischio di cancro della pelle.

La maggior parte delle persone ha familiarità con i consigli comuni per la protezione solare, dall’indossare e riapplicare la protezione solare per indossare un cappello . Ma un nuovo studio canadese rileva che per le persone che assumono determinati farmaci per la pressione sanguigna, quel consiglio diventa ancora più critico perché quei farmaci possono aumentare la loro  ai dannosi raggi ultravioletti (UV) del sole.

I ricercatori hanno esaminato i dati di quasi 303.000 adulti dell’Ontario di età superiore ai 65 anni a cui sono stati prescritti farmaci per l’ipertensione. Lo studio ha poi confrontato la loro storia di cancro della pelle con quella di oltre 605.000 adulti che non stavano assumendo farmaci antipertensivi. I risultati lo hanno dimostrato: alcuni tipi di farmaci per l’ipertensione , noti come diuretici tiazidici, sono stati associati a tassi più elevati di tumori cutanei ai cheratinociti, tra cui carcinoma a cellule basali, carcinoma a cellule squamose, carcinoma cheratinocitario avanzato e melanoma.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La nostra scoperta non intende escludere i diuretici tiazidici per i pazienti“, ha sottolineato l’autore dello studio, il dott. Aaron Drucker. È un investigatore clinico nel dipartimento di Dermatologia presso la Alpert School of Medicine, Brown University, a Providence, in Canada. Nel complesso, è più un potenziale segno per qualcuno che potrebbe essere a maggior rischio di cancro della pelle,che ne hanno avuto uno in passato o hanno una pelle molto chiara e molti danni causati dal sole, questo potrebbe predisporli ulteriormente a un nuovo cancro della pelle. Quindi sì, qualcuno del genere potrebbe considerare un’alternativa “, ha detto Drucker. Altri farmaci non hanno avuto l’effetto negativo

- Prosegue dopo la pubblicità -

Quattro altri farmaci per la pressione sanguigna – inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE), beta bloccanti, bloccanti del recettore dell’angiotensina II (ARB) e bloccanti dei canali del calcio – non hanno mostrato un’associazione con il rischio di cancro della pelle.Nessuno degli altri farmaci antipertensivi mostra lo stesso segnale, quindi in un certo senso abbiamo quattro controlli negativi“, ha aggiunto Drucker.

Precedenti studi avevano mostrato un aumento del rischio di cancro della pelle tra le persone che assumevano il farmaco, noto anche come idroclorotiazide. Questo è il più comune dei farmaci tiazidici che ha provocato avvertimenti contro l’uso a lungo termine da parte di Health Canada, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti e l’Agenzia europea per i medicinali, hanno osservato gli autori dello studio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo nuovo studio ha seguito le persone nel tempo per determinare se il rischio si verificava non solo perché una persona assumeva questi farmaci, ma anche se la dose cumulativa o la durata potevano influire sul rischio di cancro della pelle. Una maggiore esposizione cumulativa (prendendo i farmaci per un periodo di tempo più lungo) è stata associata a tassi più elevati di cancro della pelle, i risultati hanno mostrato.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se prendi questi farmaci per alcuni anni, non ha un impatto importante sul tuo rischio di cancro. Ma per qualcuno che ha assunto, diciamo, 25 milligrammi al giorno di idroclorotiazide per 10 anni , nel nostro studio quella persona sarebbe Il 40 per cento ha aumentato il rischio di carcinoma dei cheratinociti “, ha detto Drucker. Se hanno preso la stessa dose per 20 anni, l’aumento del rischio relativo rispetto a qualcuno che non aveva assunto l’idroclorotiazide è un rischio più alto del 75% , ha aggiunto. “Pertanto, c’è un grande effetto di quanto hai preso su quanto tempo penso sia davvero importante trasmettere“, ha insistito.

L’esposizione alle radiazioni ultraviolette è il più importante fattore di rischio ambientale per il cancro della pelle. La fototossicità indotta da farmaci può causare danni cellulari alla pelle, aumentando il potenziale cancerogeno del sole, hanno notato gli autori dello studio nel rapporto pubblicato sul CMAJ .

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: redaccionmedica.com

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.