Perché i denti gli esseri umani si cariano più velocemente rispetto a quelli di molti altri animali?

La carie dentaria, nota anche semplicemente come carie o cavità dentale, è la rottura dei denti dovuta agli acidi prodotti dai batteri. Le cavità possono essere di diversi colori, dal giallo al nero. I sintomi possono includere dolore e difficoltà nel mangiare. Le complicanze possono includere infiammazione del tessuto intorno al dente , perdita dei denti e infezione o formazione di ascessi. La causa delle carie è l’acido dei batteri che dissolvono i tessuti duri dei denti ( smalto, dentina e cemento). In molti si chiedono come mai gli essseri umani più degli animali soffrono di carie. Una domanda sensata che ci fa aprire gli occhi. Ebbene, vi sarebbe una spiegazione scientifica piuttosto logica ma snobbata dalle persone poiché abituate al consumo di alcuni cibi che incentivano questo fenomeno:

I batteri più comuni associati alle cavità dentali sono gli streptococchi mutans, i più prominenti Streptococcus mutans Streptococcus sobrinus e lattobacilli. Tuttavia, i batteri cariogeni (quelli che possono causare la malattia) sono presenti nella placca dentale, ma di solito sono in concentrazioni troppo basse per causare problemi a meno che non vi sia uno spostamento dell’equilibrio. Ciò è determinato dal cambiamento ambientale locale, come l’assunzione frequente di zucchero o la rimozione inadeguata del biofilm (spazzolamento dei denti).  Se non trattata, la malattia può causare dolore, perdita dei denti e infezioni.  La bocca contiene naturalmente un’ampia varietà di batteri orali, ma si ritiene che solo poche specie specifiche di batteri causino la carie dentale:

- Prosegue dopo la pubblicità -

tra queste le specie Streptococcus mutans e Lactobacillus . Lo streptococco mutans è un batterio gram-positivo che costituisce il biofilm sulla superficie dei denti. Questi organismi possono produrre alti livelli di acido lattico in seguito alla fermentazione degli zuccheri alimentari e sono resistenti agli effetti negativi del basso pH, proprietà essenziali per i batteri cariogeni. Poiché il cemento delle superfici radicolari è più facilmente demineralizzato rispetto alle superfici smaltate, una più ampia varietà di batteri può causare carie radicolare, inclusi il Lactobacillus acidophilusActinomyces spp. Nocardia spp. eStreptococcus mutans. I batteri si raccolgono intorno ai denti e alle gengive in una massa appiccicosa e color crema chiamata placca, che funge da biofilm. Alcuni siti raccolgono la placca più comunemente di altri, ad esempio siti con una bassa velocità di flusso salivare (fessure molari). Le scanalature sulle superfici occlusali dei denti molari e premolari forniscono siti di ritenzione microscopici per i batteri della placca, così come i siti interprossimali. La placca può anche raccogliersi sopra o sotto la gengiva, dove viene indicata rispettivamente come placca sopra o sottogengivale. Questi ceppi batterici, in particolare S. mutans , possono essere ereditati da un bambino dal bacio di un custode o attraverso l’alimentazione premasticata.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I batteri nella bocca di una persona convertono il glucosio, il fruttosio e più comunemente il saccarosio (zucchero da tavola) in acidi come l’acido lattico attraverso un processo glicolitico chiamato fermentazione. Se lasciati a contatto con il dente, questi acidi possono provocare la demineralizzazione, che è la dissoluzione del suo contenuto minerale. Il processo è dinamico, tuttavia, poiché la remineralizzazione può verificarsi anche se l’acido viene neutralizzato dalla saliva o dal collutorio. Il dentifricio al fluoro o lo smalto dentale possono aiutare la remineralizzazione. Se la demineralizzazione continua nel tempo, è possibile che si perda una quantità sufficiente di minerali in modo che l’ organico morbido il materiale lasciato alle spalle si disintegra, formando una cavità o un buco. L’impatto che tali zuccheri hanno sull’andamento della carie dentale è chiamato cariogenicità. Il saccarosio, sebbene un’unità legata al glucosio e al fruttosio, è in realtà più cariogeno di una miscela di parti uguali di glucosio e fruttosio. Ciò è dovuto ai batteri che utilizzano l’energia nel legame saccaridico tra le subunità del glucosio e del fruttosio. S.mutans aderisce al biofilm sul dente convertendo il saccarosio in una sostanza estremamente adesiva chiamata destrano polisaccaride dall’enzima destransucranasi. In conclusione, almeno per quanto concerne i nostri denti, l’assunzione abituale di zuccheri in eccesso appare innaturale e particolarmente nociva per il nostro organismo. Oltre alla costante pulizia, dunque, una chiara forma di prevenzione consiste nel limitare se non eliminare il consumo di questo tipo di alimenti.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.