Africa: esplode vulcano Nyiragongo, popolazione in fuga – foto e video

BBC

Momenti di alta tensione in Africa per l’esplosione del vulcano Nyiragongo, situato nel territorio dello Stato del Congo. La popolazione locale è stata infatti colta di sorpresa da grandi colate laviche che hanno costretto i cittadini ad abbandonare l’area. Dalla zona giungono immagini spettacolari:

https://volcanodiscovery.de

Alto circa tremila metri e popolato persino sulla cima, il vulcano è situato vicino alla città di Goma, capitale del Nord Kivu nella Repubblica Democratica del Congo. Nel 1977, lo stesso vulcano causò più di 600 morti in una precedente eruzione.  “Il piano di evacuazione per la città di #Goma è stato attivato”, ha twittato il ministro delle Comunicazioni Patrick Muyaya. Attualmente, a Goma vivono circa 250 mila persone.

- Prosegue dopo la pubblicità -
https://www.aljazeera.com

Nyiragongo e il vicino Nyamuragira sono insieme responsabili del 40% delle storiche eruzioni vulcaniche dell’Africa. Non si conosce molto sulla durata dell’eruzione del vulcano, ma è certo che dal 1882 il vulcano è esploso almeno 34 volte, inclusi molti periodi in cui l’attività è stata continua per anni consecutivi, spesso sotto forma di un ribollente lago di lava nel cratere. Tra il 1894 e il 1977 il cratere conteneva un lago di lava attivo. Il 10 gennaio 1977, le pareti del cratere si fratturarono e il lago di lava si prosciugò in meno di un’ora.

- Prosegue dopo la pubblicità -
https://i.guim.co.uk

I laghi di lava si sono riformati nel cratere in eruzioni nel 1982-1983 e nel 1994. Un’altra grande eruzione del vulcano è iniziata il 17 gennaio 2002, dopo diversi mesi di aumento dell’attività sismica e fumarolica . Una fessura di 13 chilometri (8,1 miglia) si aprì nel fianco sud del vulcano, diffondendosi in poche ore da 2.800 a 1.550 metri (9.190 a 5.090 piedi) di elevazione e raggiungendo la periferia della città di Goma , la capitale provinciale a nord riva del lago Kivu. La lava scorreva da tre coni di spruzzi all’estremità della fessura e scorreva in un flusso da 200 a 1.000 metri (da 660 a 3.280 piedi) di larghezza e fino a 2 metri (6 piedi 7 pollici) di profondità attraverso Goma. Erano stati dati avvertimenti e 400.000 persone furono evacuate dalla città attraverso il confine ruandese nel vicino Gisenyi durante l’eruzione. La lava ha coperto l’estremità settentrionale della pista dell’aeroporto internazionale di Goma , lasciando i due terzi meridionali utilizzabili e ha raggiunto il lago Kivu. Ciò ha fatto temere che la lava potesse far risalire improvvisamente in superficie le acque sature di gas nelle profondità del lago, rilasciando grandi quantità di anidride carbonica e metano – simile al disastro del Lago Nyos in Camerun nel 1986. Ciò non è accaduto, ma i vulcanologi continuano a monitorare l’area da vicino.

https://news.in-24.com

Infine, il 22 maggio 2021, è stato riferito che il vulcano era di nuovo in eruzione. La lava si è avvicinata all’aeroporto di Goma e si è spostata verso il centro della città di Goma orientale. Un’autostrada per Beni è stata interrotta dalla lava e le autorità hanno esortato i residenti della città di Goma a evacuare. La tossicità localizzata da anidride carbonica, conosciuta localmente come ” mazuku “, ha ucciso bambini anche più di recente. Nei luoghi in cui il gas fuoriesce dal suolo a livelli relativamente elevati, senza gli effetti disperdenti del vento, i suoi effetti possono essere mortali. L’8 marzo 2016, il Goma Volcano Observatory ha scoperto una nuova bocca che si è aperta nel bordo nord-est del cratere, a seguito di segnalazioni locali di brontolii provenienti dal vulcano. Alcuni temono che ciò possa portare a un’eruzione laterale.

- Prosegue dopo la pubblicità -
staticflickr.com

L’attività nel 2020, compreso un aumento nel lago di lava, ha portato gli osservatori a suggerire che un’eruzione è probabile entro il 2024. Il vulcano è monitorato da un team di scienziati del Goma Volcanic Observatory (GVO). Viene monitorato continuamente, con dati sismici prodotti ogni quattro minuti e dati di temperatura prodotti ogni dieci minuti. La continuazione del finanziamento per il GVO è però in dubbio, poiché la Banca mondiale ha deciso nel 2020 di sospendere i suoi contributi. La popolazione locale, dunque, può essere a rischio non solo di improvvise eruzioni vulcaniche, ma anche per la mancanza di strumenti finanziari inadeguati ad affrontare la crisi. Una situazione esplosiva nel vero senso della parola. A tal proposito, riportiamo qui sotto i link ad alcuni video diffusi sul web:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.