Klara Pölzl Hitler: la madre del dittatore più brutale della storia

Klara Pölzl

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il 12 agosto 1860 nacque Klara Pölzl nel villaggio di Weitra, nell’allora Impero Austriaco. Nessuno poteva immaginare che sarebbe stata la madre di uno dei dittatori più brutali della storia: Adolf Hitler.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La donna è nata da Johann Baptist Pölzl e sua madre Johanna Hiedler. Da adolescente la ragazza andò a lavorare da un suo cugino di secondo grado un certo Alois Hitler. Li divideva 23 anni di differenza, infatti la ragazza lo chiamava “zio”. Sicuramente tra le mure casalinghe vi erano storie amorose non indifferenti, infatti l’amante di Alois, Franziska Matzelsberger  nel 1880 fece allontanare la ragazza dalla casa. Franziska era stata la causa del divorzio di Alois dalla sua prima moglie: Anna Glass. L’amante convolò a nozze con Alois nel 1882, un anno dopo la nascita del loro figlio Alois Jr.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Alois Hitler

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un anno dopo nel 1883 accadde che la giovane Franziska si ammalò e Klara fu richiamata ai servizi nella casa Hitler. Dopo poco tempo rimase incinta e nel 1884, dopo la morte di Franziska, Alois sposò Klara. C’era un unico problema, erano cugini di secondo grado e quando chiesero il permesso nella Chiesa locale di Linz, gli fu negato il matrimonio. Successivamente una dispensa vaticana gli permise di convolare a nozze. Klara rimase incinta 6 volte, ma 4 dei suoi figli morirono prematuramente: Il primo Gustav morì a 2 anni e sette mesi, Ida morì a un anno e 4 mesi, Otto morì a soli 3 giorni di vita, la causa è stata per tutti difterite. Dopo la morte di Otto, un anno dopo nacque Adolf, nel 1889. Successivamente nacque Edmund che morì a causa della rosolia. Infine nel 1896 nacque Paula unica sorella di Adolf che è vissuta fino ad età adulta. Possiamo immaginare quale fosse lo stato d’animo di questa ragazza e che cosa abbia potuto trasmettere ai figli rimasti in vita. Sicuramente le emozioni che si provavano in casa non erano delle migliori. Klara fece da madre anche agli altri due figli di Alois: Alois Jr. (1882-1956) e Angela Franziska Johanna (1883-1949).

- Prosegue dopo la pubblicità -

Alois Hitler

Il rapporto con il padre non era facile, Adolf fu sottoposto spesso a pressioni ed umiliazioni da parte del padre, lo picchiava e proprio a causa di questo il fratello Alois Jr. scappò ben presto di casa. Il padre pretendeva che Adolf continuasse la sua carriera militare e che frequentasse scuole “all’altezza” del ruolo. Ma Adolf decise di non studiare e i suoi risultati scolastici erano pessimi. Il 3 gennaio del 1903 Alois Hitler morì in modo inaspettato, liberando la famiglia da un fardello non indifferente.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Paula Hitler

- Prosegue dopo la pubblicità -

Grazie a quello che gli aveva lasciato il defunto marito, Klara con i suoi 2 figli si trasferì a vivere a Linz. Anche se il padre era ormai morto, Adolf continuò ad avere un rendimento molto scarso a scuola, tant’è che nel 1905 la madre gli permise di lasciare gli studi. Lui leggeva, disegnava e studiava belle arti. In seguito a questo si trasferirono a Vienna, pensando che Adolf potesse avere una carriera da artista.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Adolf Hitler

Nel 1907 Klara dovette affrontare un’operazione non facile, per esportare un cancro al seno. Contemporaneamente Adolf si recò all’accademia delle belle arti di Vienna per poter sostenere l’esame ed entrare, ma non ci riuscì. Successivamente tornò a casa, per prendersi cura della madre che stava molto male. Il male contro cui lottava ad inizio ‘900 non era molto conosciuto e soprattutto le cure non erano ottimali, tanto che la donna ebbe serie ripercussioni con la chemioterapia. Le paralizzò la gola e non riuscì più a deglutire facendole patire molte sofferenze. La donna morì il 21 dicembre 1907.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Klara Pölzl

Tomba Klara Alois Hitler

Adolf che viveva per sua madre, fu davvero traumatizzato dalla sua morte, fu un colpo terribile per lui. Il medico che si occupò della mamma era ebreo, ma nel 1940 Adolf ( in pieno periodo nazista) permise a lui e a tutta la sua famiglia di scappare dall’Austria negli Stati Uniti, in segno di gratitudine.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Successivamente durante il suo “impero” Adolf decise che il giorno del compleanno della mamma il 12 agosto, si dovesse festeggiare il “giorno d’onore della madre tedesca“. L’uomo aveva sempre con se un ritratto della mamma e anche il 30 aprile del 1945 quando si suicidò nel bunker di Berlino, vi era una foto di Klara vicino a lui.

Fonte: vanillamagazine.it

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.