Come lavorare solo quattro giorni a settimana, l’esperimento in Regno Unito

https://gettotext.com

“Potresti fare volontariato o apprendere una nuova abilità” – come la fisica delle particelle o trascorrere più tempo con la famiglia, afferma Louis Bloomsfield, uno dei dipendenti britannici che a giugno testerà la settimana lavorativa di quattro giorni su larga scala. “Puoi fare molto con un giorno in più”, afferma entusiasta il birraio 36enne, ispezionando i fusti. I l birrificio a nord di Londra in cui lavora, Pressure Drops, sarà integrato da giugno in un gigantesco processo che coinvolgerà 3.000 dipendenti di circa 60 aziende che lavorano quattro giorni alla settimana:

mihaaru.com

Il processo, classificato come la più grande riduzione della settimana lavorativa al mondo, mira ad aiutare le aziende a ridurre la loro settimana lavorativa senza tagliare salari o entrate. Prove simili sono state condotte in Spagna, Islanda, Stati Uniti e Canada e dovrebbero iniziare ad agosto in Australia e Nuova Zelanda. Alex Soojung-Kim Pang, direttore del programma presso 4 Day Week Global, il gruppo che supporta le prove, afferma che la prova di sei mesi nel Regno Unito avrà il vantaggio di dare alle aziende più tempo per sperimentare e raccogliere dati. L’adattamento dovrebbe essere più facile per le PMI, che possono attuare grandi cambiamenti più rapidamente. Per Pressure Drop, l’obiettivo è aumentare la produttività e il benessere dei dipendenti, contribuendo nel contempo a ridurre l’impronta di carbonio dell’azienda:

- Prosegue dopo la pubblicità -

La Royal Society for Biology, anch’essa coinvolta nel processo, afferma di voler dare ai dipendenti “maggiore autonomia sul loro tempo e sui loro modelli di lavoro“. Come per Pressure Drops, spera che una settimana lavorativa più breve possa attrarre nuove assunzioni e, cosa più importante, aiutare a mantenere i migliori, in un mercato del lavoro britannico particolarmente teso, con la disoccupazione al livello più basso da quasi 50 anni e un record di 1,3 milioni di posti vacanti, superiore rispetto al numero di persone in cerca di lavoro. Il fondatore del birrificio, Sam Smith, pensa che rimanere chiusi tre giorni alla settimana porrebbe delle difficoltà. “Dobbiamo essere sempre aperti, ma è quello che studieremo durante il test“, spiega. Sta cercando di concedere a diversi dipendenti giorni liberi diversi durante la settimana e di lavorare su due turni per mantenere il birrificio in funzione continuamente. Una settimana lavorativa più breve è più facile da implementare nel settore dei servizi e il Regno Unito ha un vantaggio in questo senso, con il settore dei servizi che rappresenta l’80% del suo PIL. Ma per settori come la vendita al dettaglio, il cibo e le bevande, è più complicato, aggiunge Jonathan Boys, economista presso l’Institute for Personal Development, un’associazione per le professioni delle risorse umane.Crede che la sfida più grande sarà misurare la produttività, specialmente in un’economia di servizi in cui gran parte del lavoro è qualitativo e meno facile da quantificare rispetto alla produzione di fabbrica. “Se passi da cinque giorni a quattro, perdi una giornata di lavoro, e questo significa che perdi la produzione. Quindi la vera domanda è:

- Prosegue dopo la pubblicità -

(…) la produzione compenserà quel giorno perso? ( . ..) In caso contrario, sarà molto difficile mantenere la settimana di quattro giorni senza sacrificare la crescita”. Ma per Aidan Harper, coautore di un libro che promuove la settimana lavorativa di quattro giorni (“Il caso per una settimana di quattro giorni”), i paesi che lavorano di meno tendono ad avere una maggiore produttività. “Danimarca, Svezia e Paesi Bassi lavorano meno del Regno Unito e hanno alti livelli di produttività“, sottolinea. Al contrario, aggiunge che la Grecia è uno dei paesi in Europa con più orari di lavoro e bassa produttività. Per Phil McParlane, fondatore della società di reclutamento 4dayweek.io, una settimana lavorativa più breve è vantaggiosa per le aziende e per i dipendenti. Lo chiama persino un “superpotere di reclutamento“. La sua società di reclutamento, specializzata in lavori flessibili quattro giorni a settimana, afferma che il numero di aziende che desiderano assumere tramite la sua piattaforma è balzato da 30 a 120 negli ultimi due anni, riflettendo l’aumento del lavoro flessibile e la ricerca per una migliore qualità della vita dopo due anni di pandemia. Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, anche se si tratta di un esperimento su base significativa, dimostra ancora una volta che i Paesi del Nord Europa stanno tentando di effettuare politiche sul lavoro avanzate che se da una parte tendono ad aumentare la produttività, dall’altra tutelano comunque il benessere dei lavoratori e che paiono irripetibili nel Nostro Paese dove spinte corporative che ancora influenzano qualsiasi politica di rinnovamento del mondo del lavoro, impediscono la ricerca di soluzioni diverse da quelle esistenti, prestabilite a livello di contratti collettivi nazionali. Ci auguriamo, quindi, che sulla base di esperienze positive che si registrano all’estero si possa pensare a ridisegnare il mercato del lavoro sulla base della doppia e contemporanea tutela delle ragioni della produttività e quelle dei diritti dei lavoratori.

Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo: https://t.me/globochannel. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina: www.facebook.com/GloboChanneldotcom. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1 e su linkedin.com/company/globochannel.