La Storia che collega Gorbachev, Putin ed il colpo di Stato (fallito) del 1991 – VIDEO per non dimenticare la Storia dell’Unione Sovietica

All’indomani della notizia della morte di Mikhail Gorbachev (Gorbaciov), vogliamo condividere con voi la ricostruzione storica di un colpo di Stato avvenuto in Russia poco prima dello scioglimento ufficiale dell’Unione Sovietica (che avvenne il 26 dicembre del 1991):

Quel 19 agosto 1991, il popolo sovietico si sveglio con la notizia del tentativo di rovesciare il presidente Mikhail Gorbaciov, l’architetto della “glasnost” e della “perestrojka”. Il colpo di stato, guidato dalla cosiddetta “Gang of Eight” (termine coniato nei paesi anglosassoni), portò i carri armati dell’Armata Rossa nelle strade di Mosca. A guidare la rivolta fu il leader russo Boris Nikolaevič El’cin (Boris Eltsin) che tentò così di prendere il potere di Mosca, ben consapevole del prossimo crollo dell’URSS. Il tentativo di colpo di stato sovietico del 1991 , avvenuto tra il 19 e il 21 agosto 1991, è stato un tentativo del SCSE di prendere il controllo del paese dall’allora presidente dell’Unione Sovietica , Mikhail Gorbachev. Il SCSE erano membri intransigenti del Partito Comunista (PCUS) che si opponevano al programma di riforma di Gorbaciov e al nuovo trattato sindacale aveva negoziato, cosa che disperdeva gran parte del potere del governo centrale nelle repubbliche. Il colpo di stato crollò dopo soli due giorni e, sebbene Gorbaciov fosse stato restaurato come presidente, la sua autorità fu irrimediabilmente danneggiata e divenne meno influente al di fuori di Mosca. L’evento ha definitivamente destabilizzato l’Unione Sovietica e molti ipotizzano che abbia avuto un ruolo sia nella fine del PCUS che nella dissoluzione stessa dell’Unione Sovietica. Dopo il fallimento del colpo di stato, i sette membri viventi del SCSE furono arrestati:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il 14 dicembre 1992, un anno dopo il tentativo di colpo di stato, il procuratore generale della Russia Valentin Stepankov ha approvato l’atto d’accusa nel caso GKChP. [5] Fu inviato al Collegio Militare della Corte Suprema della Federazione Russa. Anatoliy Ukolov, vicepresidente della Collegiata, è stato incaricato di riesaminare il caso e l’udienza è stata fissata per il 26 gennaio 1993. Gli imputati includevano i suddetti sette membri viventi del gruppo più Oleg Shenin (1937–2009), Politburo e segreteria membro; Anatoly Lukyanov (1930–2019), presidente del Soviet supremo dell’Unione Sovietica; e Valentin Varennikov (1923–2009), generale dell’esercito, viceministro della difesa e comandante delle forze di terra. I processi sono durati più di dieci mesi, dal 14 aprile 1993 [6] fino al 1 marzo 1994. Sono stati aperti al pubblico e alla stampa; tuttavia, la stampa estera non ha partecipato per mancanza di spazio in aula. Una commissione d’accusa è stata assegnata al caso dalla Collegiata, composta da nove persone e guidata da Denisov, un vice procuratore generale. Gli avvocati difensori, Genri Reznik (Shenin), Genrikh Padva, Yuriy Ivanov (Kryuchkov) e Dmitriy Shteinberg (Varennikov) sono stati assunti, ma in totale c’erano diciassette avvocati difensori. Dopo varie tattiche di ritardo messe in scena dalla difesa, il processo iniziò il 30 novembre 1993. I principali pubblici ministeri erano Yazov, Kryuchkov, Shenin e Varennikov.

Il 23 febbraio 1994 la Duma di Stato ha emesso un’amnistia alla difesa, [7] e il 1 marzo 1994 il caso è stato archiviato con l’accettazione dell’amnistia da parte di tutti e dieci gli imputati . Varennikov ha chiesto l’amnistia a condizione che Mikhail Gorbaciov fosse il prossimo ad essere perseguito, poiché ha accusato Gorbaciov di aver creato il recente disordine politico. La corte ha respinto la sua petizione e, dopo che Varennikov ha inviato la sua richiesta all’ufficio del procuratore generale, è stata nuovamente respinta. Dieci giorni dopo la chiusura, il Presidium della Corte di Cassazione ha rianimato l’accusa , dichiarando che si erano verificate violazioni procedurali in merito alla sanatoria. Il Presidium ha organizzato una nuova udienza e assegnato un nuovo giudice, Viktor Aleksandrovich Yaskin. Ha condotto la revisione del caso utilizzando procedure giudiziarie riviste. Yaskin ha offerto agli imputati l’amnistia e tutti tranne Varennikov l’hanno accettata. Varennikov è stato assolto con l’accusa di aver seguito gli ordini del ministro della Difesa. Kryuchkov, Yazov, Shenin e Pavlov furono nominati come i principali cospiratori. Il colpo di stato alla fine fallì, con il crollo del governo provvisorio entro il 22 agosto 1991 e molti dei cospiratori furono perseguiti dalla Corte Suprema della Federazione Russa. Il primo giorno del colpo di stato fu ben documentato da un approfondimento televisivo diffuso da “World Monitor“, il telegiornale notturno poi prodotto per The Discovery Channel dal quotidiano The Christian Science Monitor:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Yazov ha trascorso 18 mesi nella Matrosskaya Tishina , una prigione nel nord di Mosca . Secondo la rivista Vlast n. 41(85) del 14 ottobre 1991, ha contattato il presidente dal carcere con un videomessaggio registrato, in cui si è pentito e si è definito “un vecchio pazzo”. Yazov nega di averlo mai fatto e ha anche accettato l’amnistia offerta dai russi affermando di non essere colpevole. Fu licenziato dal servizio militare dall’ordine presidenziale e, al suo congedo, gli fu assegnata un’arma cerimoniale. Gli è stato inoltre conferito un ordine d’onore dal Presidente della Federazione Russa . Yazov in seguito lavorò come consigliere militare presso l’ Accademia di Stato Maggiore . Morì nel 2020 a Mosca, dopo una prolungata malattia.

Baklanov ha trascorso 18 mesi a Matrosskaya Tishina, quindi ha accettato l’amnistia nel 1994, affermando di non essere colpevole. In seguito ha lavorato come direttore di Rosobshchemash. Yanayev ha trascorso 18 mesi a Matrosskaya Tishina. In seguito divenne presidente del dipartimento di storia nazionale dell’Accademia internazionale del turismo russa. [8] Pavlov era stato portato in ospedale durante il colpo di stato con la diagnosi di ipertensione , ma il 29 agosto 1991 fu trasferito alla Matrosskaya Tishina. Ha accettato l’amnistia affermando di non essere colpevole e in seguito è diventato il capo della Chasprombank. Pavlov si è dimesso dalla banca il 31 agosto 1995 e sei mesi dopo la banca è rimasta senza licenza. [9] Successivamente è stato consulente presso Promstroibank, oggi nota come Bank VTB . Pavlov morì nel 2003 dopo una serie di attacchi di cuore e fu sepolto a Mosca. Secondo Vzglyad , Anatoliy Ukolov, la persona originariamente accusata dell’accusa del SCSE, ha accusato Gorbaciov del verificarsi del tentativo di colpo di stato del 1991, sottintendendo che il leader non avrebbe dovuto prendersi una vacanza in quel momento. Tuttavia, in un’intervista con Komsomol Pravda, Ukolov ha anche menzionato come i membri del GKChP abbiano scelto di non seguire la lettera di legge , ma piuttosto di prendere in mano la situazione.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La trasformazione della Russia e l’elezione di Putin:

L’evento – che rafforzò l’immagine di El’cin a discapito di Gorbačëv, emarginato ed accusato d’aver avuto all’interno nel suo entourage i reazionari del golpe – è passato alla storia con due immagini fotografiche: El’cin che sale sul carro armato dal quale arringa la folla contro i golpisti, e, due giorni dopo, El’cin che punta il dito indice contro Gorbačëv in una seduta del Congresso in cui dettò le sue condizioni di trionfatore politico della crisi. Il Partito Comunista venne messo al bando e i suoi beni confiscati. Il progetto di Gorbačëv di salvare l’U.R.S.S. fallì ed il 25 dicembre 1991 rassegnò le dimissioni; il giorno dopo l’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche cessò formalmente di esistere. Nel 1996 Boris El’cin venne riconfermato presidente, in un paese in cui l’economia faticava a riprendersi, la povertà era sempre più diffusa, scoppiavano focolai di guerra (come la Cecenia) e la malavita organizzata aumentava. Con una salute precaria, segnata dal notevole abuso di alcool e fumo, con un’economia nazionale vicina alla rovina e con la corruzione pubblica in aumento, il 31 dicembre 1999 Boris El’cin si dimise da presidente russo, indicando Vladimir Putin come suo successore.

- Prosegue dopo la pubblicità -

#mosca #colpodistato #russia #unionesovietica #giorbaciov #putin

 

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.