Dicembre 1914, “tregua di Natale” in trincea: i soldati tedeschi, britannici e francesi si scambiano gli auguri e giocano a calcio insieme “dimenticando” di essere in guerra tra loro per alcuni giorni. Le foto d’epoca di una Storia poco ricordata

Illustrazione della tregua di Natale dell’Illustrated London News : “Soldati britannici e tedeschi si scambiano copricapi a braccetto: una tregua di Natale tra trincee opposte” La didascalia recita “Sassoni e anglosassoni fraternizzando sul campo di battaglia nella stagione della pace e buona volontà: ufficiali e uomini delle trincee tedesche e britanniche si incontrano e si salutano a vicenda: un ufficiale tedesco che fotografa un gruppo di nemici e amici. [1]
La tregua di Natale (tedesco: Weihnachtsfrieden ; francese: Trêve de Noël ; olandese : Kerstbestand ) fu una serie di cessate il fuoco non ufficiali diffusi lungo il fronte occidentale della prima guerra mondiale intorno al Natale del 1914. La tregua è avvenuta cinque mesi dopo l’inizio delle ostilità. Si verificarono periodi di calma nei combattimenti quando gli eserciti rimasero senza uomini e munizioni e i comandanti riconsiderarono le loro strategie in seguito allo stallo della Corsa al Mare e al risultato indeciso della Prima Battaglia di Ypres. Nella settimana precedente il 25 dicembre, i soldati francesi, tedeschi e britannici attraversarono le trincee per scambiarsi saluti e dialogare. In alcune zone, uomini di entrambe le parti si avventuravano nella terra di nessuno la vigilia e il giorno di Natale per socializzare e scambiarsi cibo e souvenir. Ci sono state cerimonie di sepoltura congiunte e scambi di prigionieri mentre diversi incontri si sono conclusi con canti natalizi. Gli uomini giocavano tra loro a calcio, creando una delle immagini più memorabili della tregua. [1] Le ostilità continuarono in alcuni settori, mentre in altri le parti si accordarono su poco più che accordi per recuperare i corpi.

Truppe britanniche e tedesche che si incontrano nella terra di nessuno durante la tregua non ufficiale (truppe britanniche degli ussari del Northumberland , 7a divisione, settore Bridoux-Rouge Banc)

L’anno successivo alcune unità organizzarono un cessate il fuoco, ma le tregue non furono così diffuse come nel 1914; ciò era, in parte, dovuto agli ordini fortemente formulati dei comandanti, che proibivano le tregue. I soldati non erano più disponibili alla tregua nel 1916; la guerra era diventata sempre più aspra dopo le perdite umane subite durante le battaglie del 1915.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questa foto viene comunemente erroneamente considerata scattata durante la tregua di Natale del 1914. In realtà è del 25 dicembre 1915 vicino a Salonicco, in Grecia. Mostra gli ufficiali britannici che giocano con altri ranghi del 26esimo treno di munizioni divisionale britannico. [30] [31]
Le tregue non riguardavano esclusivamente il periodo natalizio e riflettevano uno stato d’animo di ” vivi e lascia vivere “, in cui la fanteria ravvicinata smetteva di combattere e fraternizzava, impegnandosi in una conversazione. In alcuni settori ci sono stati cessate il fuoco occasionali per consentire ai soldati di andare tra le linee e recuperare i compagni feriti o morti; in altri vi era un tacito accordo di non sparare mentre gli uomini riposavano, si esercitavano o lavoravano in vista del nemico. Le tregue di Natale sono state particolarmente significative a causa del numero di uomini coinvolti e del livello della loro partecipazione – anche in settori tranquilli, dozzine di uomini che si riunivano apertamente alla luce del giorno erano notevoli – e sono spesso viste come un momento simbolico di pace e umanità in mezzo a uno di i conflitti più violenti della storia umana.

- Prosegue dopo la pubblicità -
Truppe britanniche e tedesche seppelliscono i corpi delle persone uccise nell’attacco del 18 dicembre.

Contesto storico:

Durante le prime otto settimane della prima guerra mondiale , le truppe francesi e britanniche fermarono l’attacco tedesco attraverso il Belgio verso la Francia fuori Parigi nella prima battaglia della Marna all’inizio di settembre 1914. I tedeschi ripiegarono nella valle dell’Aisne , dove si trincerarono. Nella prima battaglia dell’Aisne , gli attacchi franco-britannici furono respinti ed entrambe le parti iniziarono a scavare trincee per risparmiare sulla manodopera e utilizzare il surplus per aggirare, a nord, i loro avversari. Nella corsa al mare , le due parti effettuarono reciproche manovre di aggiramento e dopo diverse settimane, durante le quali le forze britanniche furono ritirate dall’Aisne e inviate a nord nelle Fiandre , entrambe le parti rimasero senza spazio. A novembre gli eserciti avevano costruito linee continue di trincee che correvano dal Mare del Nord alla frontiera svizzera. [2] Prima del Natale 1914 vi furono diverse iniziative di pace. La Lettera Aperta di Natale era un messaggio pubblico di pace rivolto “alle donne di Germania e Austria “, firmato da un gruppo di 101 suffragette britanniche alla fine del 1914. [3] [4] Papa Benedetto XV , il 7 dicembre 1914 , aveva chiesto una tregua ufficiale tra i governi in guerra. [5] Ha chiesto “che i cannoni tacciano almeno nella notte in cui cantavano gli angeli”, cosa che è stata rifiutata da entrambe le parti. [6] [7]

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fraternizzazione:

- Prosegue dopo la pubblicità -

La fraternizzazione – interazioni pacifiche e talvolta amichevoli tra forze opposte – era una caratteristica regolare nei settori tranquilli del fronte occidentale. In alcune aree, entrambe le parti si astenevano dal comportamento aggressivo, mentre in altri casi si estendeva a conversazioni regolari o addirittura a visite da una trincea all’altra. [8] Sul fronte orientale , Fritz Kreisler riportò episodi di tregue spontanee e di fraternizzazione tra austro-ungarici e russi nelle prime settimane di guerra. [9] Le tregue tra le unità britanniche e tedesche possono essere datate all’inizio di novembre 1914, più o meno nel periodo in cui finì la guerra di manovra. Le razioni venivano portate in prima linea dopo il tramonto e i soldati di entrambe le parti notavano un periodo di pace mentre raccoglievano il cibo. [10] Entro il 1° dicembre, un soldato britannico poteva registrare una mattina la visita amichevole di un sergente tedesco “per vedere come stavamo andando avanti”. [11] I rapporti tra le unità francesi e tedesche furono generalmente più tesi ma cominciò ad emergere lo stesso fenomeno. All’inizio di dicembre, un chirurgo tedesco registrava ogni sera una regolare tregua ogni mezz’ora per recuperare i soldati morti per la sepoltura, durante la quale i soldati francesi e tedeschi si scambiavano i giornali. [12] Questo comportamento è stato spesso contestato dagli ufficiali; il tenente Charles de Gaulle scrisse il 7 dicembre del “deplorevole” desiderio dei fanti francesi di lasciare in pace il nemico, mentre il comandante della 10a armata , Victor d’Urbal , scrisse delle “sfortunate conseguenze” quando gli uomini “acquisiscono familiarità con i loro vicini di fronte”. [12] Altre tregue potevano essere forzate da entrambe le parti dal maltempo, soprattutto quando le linee di trincea erano allagate e queste spesso duravano anche dopo che il tempo si era schiarito. [12] [13] La vicinanza delle trincee rendeva facile per i soldati gridarsi saluti a vicenda. Questo potrebbe essere stato il metodo più comune per organizzare tregue informali nel 1914. [14] Gli uomini si scambiavano spesso notizie o saluti, aiutati da un linguaggio comune; molti soldati tedeschi avevano vissuto in Inghilterra, in particolare a Londra, e conoscevano la lingua e la società. Diversi soldati britannici hanno registrato casi di tedeschi che chiedevano notizie dai campionati di calcio, mentre altre conversazioni potevano essere banali come discussioni sul tempo o lamentose come messaggi per una dolce metà. [15] Un fenomeno insolito che crebbe di intensità fu la musica; nei settori pacifici, non era raro che le unità cantassero la sera, a volte deliberatamente con l’obiettivo di intrattenere o schernire gentilmente i loro colleghi. Ciò si trasformò dolcemente in un’attività più festosa; all’inizio di dicembre, Sir Edward Hulse delle Guardie scozzesi scrisse che stava progettando di organizzare un concerto per il giorno di Natale, che avrebbe “dato al nemico ogni forma immaginabile di canto in armonia” in risposta ai frequenti cori di Deutschland Über Alles . [16]

Natale 1914:

Circa 100.000 soldati britannici e tedeschi furono coinvolti nella cessazione informale delle ostilità lungo il fronte occidentale. [17] I tedeschi posizionarono candele sulle loro trincee e sugli alberi di Natale, poi continuarono la celebrazione cantando canti natalizi. Gli inglesi risposero cantando i propri canti natalizi. Le due parti hanno proseguito scambiandosi gli auguri di Natale. Subito dopo iniziarono le escursioni attraverso la Terra di Nessuno, dove venivano scambiati piccoli doni, come cibo, tabacco, alcol e souvenir come bottoni e cappelli. L’ artiglieria nella regione tacque. La tregua consentiva anche un periodo di respiro durante il quale i soldati recentemente uccisi potevano essere riportati dietro le loro linee dai funerali. Si sono svolti servizi congiunti. In molti settori la tregua durò fino alla notte di Natale, in altri fino a Capodanno. [7] Il giorno di Natale il generale di brigata Walter Congreve , comandante della 18a brigata di fanteria , di stanza vicino a Neuve Chapelle , scrisse una lettera ricordando che i tedeschi avevano dichiarato una tregua per quella giornata. Uno dei suoi uomini alzò coraggiosamente la testa sopra il parapetto e altri da entrambe le parti camminarono sulla terra di nessuno. Ufficiali e uomini si strinsero la mano e si scambiarono sigarette e sigari; uno dei suoi capitani “fumò un sigaro con il miglior tiratore dell’esercito tedesco”, quest’ultimo non più che 18enne. Congreve ha ammesso di essere riluttante ad assistere alla tregua per paura dei cecchini tedeschi. [18] Bruce Bairnsfather , che combatté durante tutta la guerra, scrisse:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Non mi sarei perso quel giorno di Natale unico e strano per niente al mondo…. Ho avvistato un ufficiale tedesco, una specie di tenente direi, ed essendo un po’ collezionista, gli ho fatto capire che mi ero invaghito ad alcuni dei suoi bottoni…. tirai fuori le mie forbici e, con qualche abile taglio, rimasi un paio dei suoi bottoni e me li misi in tasca. Allora gliene diedi due dei miei in cambio… L’ultimo che vidi fu uno dei miei mitraglieri, che era un po’ un parrucchiere dilettante nella vita civile, mentre tagliava i capelli innaturalmente lunghi di un docile Boche, che stava pazientemente inginocchiato a terra mentre le forbici automatiche gli si insinuavano sulla parte posteriore del collo. [19] [20]

Henry Williamson , un soldato semplice diciannovenne della London Rifle Brigade , scrisse a sua madre il giorno di Santo Stefano:

Cara mamma, ti scrivo dalla trincea. Sono le 11 del mattino. Accanto a me c’è un fuoco di coke, di fronte a me una “scaverna” (umida) con dentro della paglia. Il terreno è scivoloso nella trincea vera e propria, ma ghiacciato altrove. Nella mia bocca c’è una pipa donata dalla Principessa Mary . Nella pipa c’è il tabacco. Naturalmente, dici. Ma aspetta. Nella pipa c’è tabacco tedesco. Haha, dici, da un prigioniero o trovato in una trincea catturata. Oh caro, no! Da un soldato tedesco. Sì, un soldato tedesco vivo dalla sua stessa trincea. Ieri gli inglesi e i tedeschi si sono incontrati e si sono stretti la mano nel terreno tra le trincee, si sono scambiati souvenir e si sono stretti la mano. Sì, tutto il giorno, il giorno di Natale, e mentre scrivo. Meraviglioso, non è vero? [21]

Il capitano Sir Edward Hulse ha riferito che il primo interprete che ha incontrato dalle linee tedesche era del Suffolk e aveva lasciato la sua ragazza e una motocicletta da 3,5 CV. Hulse descrisse una cantilena che “finiva con ‘ Auld lang syne ‘ alla quale tutti noi, inglesi, scozzesi, irlandesi, prussiani, württenberger, ecc., partecipavamo. Era assolutamente stupefacente, e se l’avessi vista in una pellicola cinematografica Avrei giurato che fosse falso!” [22]

- Prosegue dopo la pubblicità -
Discendenti britannici e tedeschi dei veterani della Grande Guerra

Il capitano Robert Miles, fanteria leggera del King’s Shropshire , assegnato ai Royal Irish Rifles , ricordò in una lettera pubblicata sul Daily Mail e sul Wellington Journal & Shrewsbury News nel gennaio 1915, in seguito alla sua morte in azione il 30 dicembre 1914 :

Venerdì (giorno di Natale). Stiamo vivendo il giorno di Natale più straordinario che si possa immaginare. Tra noi ed i nostri amici di fronte esiste una sorta di tregua non concordata e del tutto non autorizzata ma perfettamente compresa e scrupolosamente osservata. La cosa divertente è che sembra esistere solo in questa parte della linea di battaglia: alla nostra destra e alla nostra sinistra possiamo tutti sentirli sparare allegramente come sempre. Tutto è iniziato ieri sera – una notte fredda e pungente, con brina bianca – subito dopo il tramonto quando i tedeschi hanno iniziato a gridarci “Buon Natale, inglesi”. Naturalmente i nostri compagni hanno risposto al grido e subito un gran numero di entrambe le parti hanno lasciato le loro trincee, disarmati, e si sono incontrati nella discutibile, crivellata di colpi, terra di nessuno tra le linee. Qui è stato raggiunto l’accordo, tutto da soli, secondo cui non avremmo dovuto spararci l’un l’altro fino a dopo la mezzanotte di stasera. Gli uomini fraternizzavano tutti in mezzo (naturalmente non li lasciavamo avvicinare troppo alla nostra fila) e si scambiavano sigarette e bugie in grande compagnia. In tutta la notte non è stato sparato un colpo.

Dei tedeschi scrisse: “Sono decisamente annoiati della guerra… Infatti, uno di loro voleva sapere cosa diavolo stessimo facendo qui a combatterli”. La tregua in quel settore continuò fino a Santo Stefano; ha commentato riguardo ai tedeschi: “I mendicanti semplicemente ignorano tutti i nostri avvertimenti di scendere dal parapetto, quindi le cose sono in una situazione di stallo. Non possiamo sparargli a sangue freddo …. Non vedo come possiamo prenderli per tornare al lavoro.” [23]

- Prosegue dopo la pubblicità -
Il calcio ricorda il memoriale al National Memorial Arboretum nello Staffordshire

La vigilia di Natale e il giorno di Natale (24 e 25 dicembre) 1914, l’unità di Alfred Anderson del 1°/5° battaglione della Guardia Nera fu alloggiata in una fattoria lontana dalla linea del fronte. In una successiva intervista (2003), Anderson, l’ultimo veterano di guerra scozzese sopravvissuto conosciuto, ricordò vividamente il giorno di Natale e disse:

Ricordo il silenzio, il suono inquietante del silenzio. Erano in servizio solo le guardie. Uscimmo tutti fuori dagli edifici della fattoria e restammo ad ascoltare. E, naturalmente, pensando alle persone a casa. Per due mesi in trincea non avevo sentito altro che il sibilo, lo schiocco e il lamento dei proiettili in volo, il fuoco delle mitragliatrici e le lontane voci tedesche. Ma quella mattina c’era un silenzio mortale, ovunque, a perdita d’occhio. Abbiamo gridato “Buon Natale”, anche se nessuno si sentiva allegro. Il silenzio finì nel primo pomeriggio e ricominciarono gli omicidi. Fu una pace breve in una guerra terribile. [24]

Un tenente tedesco, Johannes Niemann, scrisse “presi il mio binocolo e guardando con cautela oltre il parapetto vidi l’incredibile spettacolo dei nostri soldati che scambiavano sigarette, grappa e cioccolata con il nemico”. [25]

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il generale Sir Horace Smith-Dorrien , comandante del II Corpo , emanò ordini che vietavano la comunicazione amichevole con le truppe tedesche avversarie. [17] Anche Adolf Hitler , caporale della 16a fanteria di riserva bavarese, era un oppositore della tregua. [17] Nel settore del fronte di Comines si ebbe una prima fraternizzazione tra soldati tedeschi e francesi nel dicembre 1914, durante una breve tregua, e ci sono almeno altre due testimonianze di soldati francesi di comportamenti simili in settori in cui le compagnie tedesche e francesi si opposero . [26] Gervais Morillon scrive ai suoi genitori: “I Boches sventolavano bandiera bianca e gridavano ‘Kamarades, Kamarades, rendez-vous’. Poiché non ci muovevamo, vennero verso di noi disarmati, guidati da un ufficiale. Anche se non siamo puliti sono schifosamente sporchi. Questo ve lo dico ma non parlatene con nessuno. Non dobbiamo parlarne nemmeno agli altri soldati”. Scrive Gustave Berthier “Il giorno di Natale i Boches fecero segno che volevano parlarci. Dissero che non volevano sparare… Erano stanchi di fare la guerra, erano sposati come me, non volevano avere qualche differenza con i francesi ma con gli inglesi”. [27] [28] Sul fronte Yser , dove le truppe tedesche e belghe si affrontarono nel dicembre 1914, fu concordata una tregua su richiesta dei soldati belgi che desideravano rispedire lettere alle loro famiglie nelle parti del Belgio occupate dai tedeschi . [29]

Partite di calcio:

Molti resoconti della tregua riguardano una o più partite di calcio giocate nella terra di nessuno. Di ciò si parla in alcuni dei primi rapporti, con una lettera scritta da un medico addetto alla Rifle Brigade , pubblicata sul Times il 1° gennaio 1915, in cui si riportava “una partita di calcio… giocata tra loro e noi davanti alla trincea “. [32] Storie simili sono state raccontate nel corso degli anni, spesso nominando unità o partitura. Alcuni resoconti del gioco introducono elementi di finzione di Robert Graves , poeta e scrittore britannico (all’epoca ufficiale al fronte) [33] che ricostruì l’incontro in un racconto pubblicato nel 1962; nella versione di Graves il punteggio era 3–2 per i tedeschi. [32] La verità dei racconti è stata contestata da alcuni storici. Nel 1984 Malcolm Brown e Shirley Seaton conclusero che probabilmente c’erano tentativi di giocare partite organizzate fallite a causa dello stato del terreno, ma che i rapporti contemporanei erano dicerie o si riferivano a calci con palloni inventati come un bullo -scatola di manzo. [34] Anche Chris Baker, ex presidente della Western Front Association e autore di The Truce: The Day the War Stopped , era scettico, ma afferma che, sebbene ci siano poche prove, il luogo più probabile in cui avrebbe potuto aver luogo una partita organizzata era vicino il villaggio di Messines : “Ci sono due riferimenti ad una partita giocata dalla parte britannica, ma nessuna da parte dei tedeschi. Se un giorno qualcuno trovasse una lettera di un soldato tedesco che si trovava in quella zona, allora avremmo qualcosa di credibile” . [35] [36] Il tenente Kurt Zehmisch del 134esimo reggimento di fanteria sassone disse che gli inglesi “portarono un pallone da calcio dalle loro trincee, e ben presto ne seguì una partita vivace. Che meravigliosamente meraviglioso, ma quanto era strano”. Nel 2011 Mike Dash ha concluso che “ci sono molte prove che quel giorno di Natale il calcio veniva giocato, principalmente da uomini della stessa nazionalità ma in almeno tre o quattro posti tra truppe degli eserciti avversari”. [32] Nei resoconti contemporanei si dice che molte unità abbiano preso parte ai giochi: Dash elencò il 133esimo reggimento reale sassone lanciato contro le “truppe scozzesi”; gli Argyll e Sutherland Highlanders contro tedeschi non identificati (con gli scozzesi che avrebbero vinto 4-1); la Royal Field Artillery contro “Prussians and Hanovers” vicino a Ypres e i Lancashire Fusiliers vicino a Le Touquet , con il dettaglio di una lattina di razione di manzo come palla. [32] Uno scrittore recente ha identificato 29 resoconti di calcio senza però fornire dettagli sostanziali. [38] Il colonnello JEB Seely registrò nel suo diario per il giorno di Natale di essere stato “invitato alla partita di calcio tra sassoni e inglesi il giorno di Capodanno”, ma ciò non sembra essere avvenuto. [39]

Fronte orientale:

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sul fronte orientale la prima mossa ebbe origine dai comandanti austro-ungarici, a un livello incerto della gerarchia militare. I russi risposero positivamente e alla fine i soldati si incontrarono nella terra di nessuno. [40]

Consapevolezza del pubblico:

Le tregue non furono riportate per una settimana, per poi essere pubblicizzate alle masse quando un embargo non ufficiale sulla stampa fu rotto dal New York Times , pubblicato negli Stati Uniti neutrali, il 31 dicembre. [41] [42] [43] I giornali britannici seguirono rapidamente, pubblicando numerosi resoconti di prima mano di soldati sul campo, presi da lettere a casa alle loro famiglie ed editoriali su “una delle più grandi sorprese di una guerra sorprendente”. Entro l’8 gennaio 1915, le immagini erano arrivate alla stampa e Mirror and Sketch stamparono fotografie in prima pagina di truppe britanniche e tedesche che si mescolavano e cantavano tra le righe. Il tono del servizio è stato fortemente positivo, con il Times che ha appoggiato la “mancanza di malizia” avvertita da entrambe le parti e il Mirror che si è rammaricato che “l’assurdità e la tragedia” sarebbero ricominciate. [44] L’autore Denis Winter sostiene che allora “il censore era intervenuto” per impedire che le informazioni sul cessate il fuoco spontaneo arrivassero al pubblico e che la reale dimensione della tregua “emerse veramente solo quando il capitano Chudleigh scrisse sul Telegraph dopo la guerra. ” [45] La copertura in Germania fu meno estesa di quella della stampa britannica [46] mentre in Francia, la censura della stampa assicurava che l’unica notizia che si diffondeva della tregua provenisse dai soldati al fronte o dalle testimonianze di prima mano raccontate dai feriti negli ospedali. [47] Alla fine la stampa fu costretta a rispondere alle crescenti voci ristampando un avviso del governo secondo cui fraternizzare con il nemico costituiva tradimento. All’inizio di gennaio è stata pubblicata una dichiarazione ufficiale sulla tregua, in cui si affermava che essa era limitata al settore britannico del fronte e si trattava di poco più di uno scambio di canzoni, che degenerò rapidamente in una sparatoria. [48] La stampa dell’Italia neutrale pubblicò alcuni articoli sugli avvenimenti della tregua, riportando solitamente articoli della stampa estera. [49] Il 30 dicembre 1914 il Corriere della Sera pubblicava un servizio sulla fraternizzazione tra le opposte trincee. [50] Il quotidiano fiorentino La Nazione pubblicò la cronaca di una partita di calcio giocata nella terra di nessuno . [51] In Italia il disinteresse per la tregua fu probabilmente dovuto al verificarsi di altri eventi, come l’ occupazione italiana di Valona , ​​l’esordio della Legione Garibaldina sul fronte delle Argonne e il terremoto di Avezzano .

Poi, la crudeltà:

Dopo il 1914 furono fatti sporadici tentativi di tregua stagionale; sul fronte occidentale, ad esempio, un’unità tedesca tentò di lasciare le proprie trincee sotto una bandiera di tregua la domenica di Pasqua del 1915, ma fu messa in guardia dagli inglesi di fronte a loro. Nella Pasqua del 1915 sul fronte orientale vi furono tregue tra le truppe ortodosse dei fronti opposti; lo scrittore bulgaro Yordan Yovkov , in servizio come ufficiale vicino al confine greco presso il fiume Mesta , ne fu testimone. Ha ispirato il suo racconto “Holy Night”, tradotto in inglese nel 2013 da Krastu Banaev. [52] A novembre, un’unità sassone fraternizzava brevemente con un battaglione del Liverpool. Nel dicembre 1915 i comandanti alleati ricevettero l’ordine di prevenire qualsiasi ripetizione della precedente tregua natalizia. Le unità furono incoraggiate a organizzare incursioni e molestare la linea avversaria, mentre la comunicazione con il nemico era scoraggiata dagli sbarramenti di artiglieria lungo la linea del fronte durante tutto il giorno; nonostante il divieto si verificarono un piccolo numero di brevi tregue. [53] [54] Da parte tedesca, un ordine generale del 29 dicembre 1914 vietava già la fraternizzazione con il nemico, avvertendo le truppe tedesche che “ogni approccio al nemico… sarà punito come tradimento”. [55] Richard Schirrmann , che era in un reggimento tedesco in posizione sul Bernhardstein, uno dei Vosgi , scrisse un resoconto degli eventi nel dicembre 1915: “Quando le campane di Natale suonavano nei villaggi dei Vosgi dietro le linee… qualcosa Le truppe tedesche e francesi stipularono spontaneamente la pace e cessarono le ostilità; si visitavano a vicenda attraverso tunnel di trincee in disuso e scambiavano vino, cognac e sigarette con Pumpernickel (pane nero della Westfalia), biscotti e prosciutto. Questo gli andava così bene che siamo rimasti buoni amici anche dopo la fine del Natale”. Era separato dalle truppe francesi da una stretta terra di nessuno e descrisse il paesaggio “Cosparso di alberi spezzati, il terreno arato dai bombardamenti, una terra selvaggia, radici di alberi e uniformi sbrindellate”. La disciplina militare fu presto ripristinata, ma Schirrmann rifletté sull’incidente e se “si potessero fornire ai giovani riflessivi di tutti i paesi luoghi di incontro adeguati dove potersi conoscere”. Fondò l’ Associazione tedesca degli ostelli della gioventù nel 1919. [56]

Un resoconto di Llewelyn Wyn Griffith , registra che dopo una notte di scambio di canti natalizi, l’alba del giorno di Natale vide un “afflusso di uomini da entrambe le parti… [e] un febbrile scambio di souvenir” prima che gli uomini fossero rapidamente richiamati dai loro ufficiali, con offerte di cessate il fuoco per la giornata e di giocare una partita di calcio. Non è servito a nulla, poiché il comandante della brigata ha minacciato ripercussioni per mancanza di disciplina e ha insistito per la ripresa del fuoco nel pomeriggio. [57] Un altro membro del battaglione di Griffith, Bertie Felstead , ricordò in seguito che un uomo aveva prodotto un pallone da calcio, risultando in “un tutti contro tutti; avrebbero potuto essercene 50 su ciascun lato”, prima che gli fosse ordinato di tornare indietro. [58] [59] Un altro partecipante anonimo ha riferito in una lettera a casa: “I tedeschi sembrano essere ragazzi molto gentili e hanno detto che erano terribilmente stufi della guerra”. [60] La sera, secondo Robert Keating “I tedeschi mandavano luci stellari e cantavano – si fermarono, così li applaudimmo e cominciammo a cantare Land of Hope and Glory – Men of Harlech et cetera – ci fermammo e loro applaudirono noi. Così proseguimmo fino alle prime ore del mattino”. [61]

- Prosegue dopo la pubblicità -

In un settore adiacente, una breve tregua per seppellire i morti tra le linee provocò ripercussioni; un comandante di compagnia, Sir Iain Colquhoun delle guardie scozzesi, fu processato dalla corte marziale per aver sfidato ordini permanenti contrari. Sebbene fosse dichiarato colpevole e rimproverato, la punizione fu annullata dal generale Douglas Haig e Colquhoun rimase al suo posto; la clemenza ufficiale potrebbe forse essere dovuta al fatto che lo zio di sua moglie era HH Asquith , il Primo Ministro. [62] [63] Nel dicembre 1916 e 1917, le aperture tedesche agli inglesi per una tregua furono registrate senza alcun successo. [64] In alcuni settori francesi, venivano occasionalmente registrati canti e scambi di doni, sebbene questi potessero semplicemente riflettere un’estensione stagionale dell’approccio vivi e lascia vivere comune nelle trincee. [65] Il 24 maggio 1915, il Corpo d’Esercito australiano e neozelandese (ANZAC) e le truppe dell’Impero Ottomano a Gallipoli concordarono una tregua di 9 ore per recuperare e seppellire i loro morti, durante la quale le truppe avversarie “si scambiarono sorrisi e sigarette”. [66]

Eredità e significato storico:

Sebbene la tendenza popolare sia stata quella di vedere le tregue di Natale del dicembre 1914 come uniche e di significato romantico piuttosto che politico, esse sono state anche interpretate come parte del diffuso spirito di non cooperazione con la guerra. [67] Nel suo libro sulla guerra di trincea, Tony Ashworth ha descritto il “sistema vivi e lascia vivere”. Complicate tregue locali e accordi per non spararsi a vicenda furono negoziati dagli uomini lungo il fronte durante tutta la guerra. Questi spesso iniziavano con l’accordo di non attaccarsi a vicenda durante l’ora del tè, dei pasti o del lavaggio. In alcuni luoghi gli accordi taciti divennero così comuni che sezioni del fronte videro poche vittime per lunghi periodi di tempo. Questo sistema, sostiene Ashworth, “dava ai soldati un certo controllo sulle condizioni della loro esistenza”. [68] Le tregue di Natale del dicembre 1914 possono quindi essere viste non come uniche ma come l’esempio più drammatico dello spirito di non cooperazione con la guerra che includeva rifiuti di combattere, tregue non ufficiali, ammutinamenti , scioperi e proteste pacifiste.

- Prosegue dopo la pubblicità -
  • Nell’opera teatrale del 1933 Petermann schließt Frieden oder Das Gleichnis vom deutschen Opfer ( Petermann fa la pace: o la parabola del sacrificio tedesco ), scritta dallo scrittore nazista e veterano della prima guerra mondiale Heinz Steguweit  [ de ] , un soldato tedesco, accompagnato da canti natalizi cantata dai compagni, erige un albero di Natale illuminato tra le trincee ma viene ucciso a colpi di arma da fuoco. Più tardi, quando i suoi compagni trovano il suo corpo, notano con orrore che i cecchini hanno abbattuto tutte le luci di Natale dall’albero. [69]
  • Il video della canzone del 1983 ” Pipes of Peace ” di Paul McCartney raffigura una versione immaginaria della tregua natalizia. [70]
  • La canzone di John McCutcheon del 1984 ” Christmas in the Trenches ” racconta la storia della tregua del 1914 attraverso gli occhi di un soldato immaginario. [71] Eseguendo la canzone incontrò i veterani tedeschi della tregua. [72]
  • ” Goodbyeee “, l’episodio finale della serie televisiva della BBC Blackadder Goes Forth, ricorda la tregua natalizia, con il personaggio principale, Edmund Blackadder, che ricorda di aver giocato in una partita di calcio. È ancora seccato per essersi visto annullare un gol per fuorigioco. [73]
  • La canzone ” All Together Now ” della band di Liverpool The Farm , ha preso ispirazione dalla tregua del giorno di Natale del 1914. La canzone è stata registrata nuovamente da The Peace Collective per essere pubblicata nel dicembre 2014 in occasione del centenario dell’evento. [74]
  • La canzone del 1997 “Belleau Wood” di Garth Brooks raffigura i soldati che lasciano le loro trincee per cantare insieme canti natalizi e sfidano il rischio di essere colpiti dai loro nemici per farlo.
  • La tregua è drammatizzata nel film francese del 2005 Joyeux Noël ( Buon Natale ), rappresentato attraverso gli occhi di soldati francesi, britannici e tedeschi. [75] Il film, scritto e diretto da Christian Carion , è stato proiettato fuori concorso al Festival di Cannes del 2005 , ma è stato nominato per l’ Oscar per il miglior film in lingua straniera . [76] [75]
  • L’opera Silent Night del compositore Kevin Puts e del librettista Mark Campbell è stata presentata in anteprima mondiale all’Ordway Theatre, Saint Paul, Minnesota, il 12 novembre 2011. Il libretto è basato sulla sceneggiatura del film Joyeux Noël del 2005 . Nel 2012 Kevin Puts è stato nominato vincitore del Premio Pulitzer per la musica per quest’opera.
  • In vista del centenario della tregua, il compositore inglese Chris Eaton e la cantante Abby Scott hanno prodotto la canzone “1914 – The Carol of Christmas”, a beneficio degli enti di beneficenza delle forze armate britanniche. Al 5 dicembre 2014 aveva raggiunto la vetta della classifica natalizia di iTunes . [77]
  • Sainsbury’s ha prodotto un cortometraggio per il periodo natalizio 2014 come pubblicità che rievoca gli eventi della tregua natalizia, seguendo principalmente un giovane soldato inglese in trincea. [78] [79]
  • Nello speciale di Natale di Doctor Who 2017 ” Twice Upon a Time ” il Primo e il Dodicesimo Dottore vengono accidentalmente coinvolti nel destino di un capitano britannico apparentemente destinato a morire nella Terra di Nessuno in uno scontro con un soldato tedesco. Il Dodicesimo Dottore lo mandò qualche ora avanti nel tempo affinché l’inizio della tregua natalizia gli impedisse di essere ucciso. [80]
  • Il 29 ottobre 2021 la band heavy metal svedese Sabaton ha pubblicato il singolo ‘Christmas Trece’ sugli eventi di quei fatidici giorni di dicembre del 1914, [81] seguito 40 giorni dopo da un video animato ambientato sulla canzone in collaborazione con il gruppo animato storia del canale YouTube Yarnhub.

Punti di riferimento:

Un memoriale della tregua di Natale è stato inaugurato a Frelinghien , in Francia, l’11 novembre 2008. Nel punto in cui i loro antenati del reggimento uscirono dalle trincee per giocare a calcio il giorno di Natale del 1914, gli uomini del 1 ° battaglione, i Royal Welch Fusiliers, giocarono una partita di calcio. con il battaglione tedesco 371. I tedeschi vinsero 2-1. Il 12 dicembre 2014, un memoriale è stato inaugurato al National Memorial Arboretum nello Staffordshire, in Inghilterra, dal principe William, duca di Cambridge e dall’allenatore della nazionale di calcio inglese Roy Hodgson . [83] Il memoriale di Football Remembers è stato progettato da uno scolaretto di dieci anni, Spencer Turner, dopo una competizione in tutto il Regno Unito. [83]

Rievocazioni annuali:

Il Midway Village a Rockford, Illinois , ha ospitato rievocazioni della tregua di Natale. [84]

#worldwar1 #wwi #ww1 #christmas #christmastree #xmas #xmastree #history #worldwarone #firstworldwar #thegreatwar #Germanhistory #carols #christmaseve #militaryhistory

- Prosegue dopo la pubblicità -
Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i nostri aggiornamenti pui seguirci anche su Telegram al seguente indirizzo >https://t.me/globochannel<. E' inoltre possibile seguirci su Facebook cliccando "MI PIACE" e poi "segui" su questa Pagina >www.facebook.com/GloboChanneldotcom<. GloboChannel.com è anche su twitter.com/globochannel1, su instagram.com/globo_channe_ita/ e su linkedin.com/company/globochannel.