Press "Enter" to skip to content

Il veleno delle api ha distrutto le cellule del cancro al seno, distruggendo le membrane entro 60 minuti. Lo studio.

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista npj Precision Oncology, il veleno delle api ha rapidamente distrutto il cancro al seno triplo negativo, un tipo di cancro che ha opzioni di trattamento limitate e cellule di cancro al seno arricchite con HER2 . Usando il veleno di oltre 300 api e bombi in Inghilterra, Irlanda e Perth, Australia occidentale, la dott.ssa Ciara Duffy dell’Harry Perkins Institute of Medical Research e dell’Università dell’Australia occidentale, ha testato l’effetto del veleno sui sottotipi clinici di seno cancro, secondo il comunicato stampa.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il veleno era estremamente potente”, ha detto Duffy nel comunicato. Lo studio ha esaminato le proprietà anti-cancro del veleno nelle api da miele e della melittina, il “componente attivo del veleno delle api” secondo lo studio pubblicato su diversi tipi di cellule di cancro al seno.
La melittina e il veleno delle api sono stati studiati per le loro proprietà anti-cancro e hanno mostrato che diminuivano la vitalità delle cellule di cancro al seno triplo negativo e delle cellule di cancro al seno arricchite con HER2, ha detto la dottoressa Ciara Duffy nel suo studio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Duffy ha spiegato nel rilascio del composto, la melittina, ha avuto anche risultati positivi.Abbiamo testato un peptide molto piccolo e caricato positivamente nel veleno dell’ape mellifera chiamato melittina, che potevamo riprodurre sinteticamente, e abbiamo scoperto che il prodotto sintetico rispecchiava la maggior parte degli effetti anti-cancro del veleno delle api“.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Duffy ha detto che lo studio ha mostrato che la melittina non solo ha distrutto le cellule tumorali, ma ha anche ridotto i messaggi chimici delle cellule tumorali che consentono al cancro di dividersi e proliferare entro 20 minuti.Abbiamo scoperto che la melittina può distruggere completamente le membrane delle cellule tumorali entro 60 minuti“.

Abbiamo esaminato il modo in cui il veleno delle api e la melittina influenzano le vie di segnalazione del cancro, i messaggi chimici che sono fondamentali per la crescita e la riproduzione delle cellule tumorali, e abbiamo scoperto che molto rapidamente queste vie di segnalazione sono state interrotte“. Duffy ha detto nel comunicato. La melittina è stata anche testata per vedere se poteva essere utilizzata in combinazione con gli attuali farmaci chemioterapici. La melittina forma pori nelle membrane delle cellule tumorali che potrebbero potenzialmente aiutare l’ingresso di altri trattamenti nella cellula tumorale, per aiutare a distruggere il cancro, secondo il comunicato stampa.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Abbiamo scoperto che la melittina può essere utilizzata con piccole molecole o chemioterapie, come il docetaxel, per trattare tipi altamente aggressivi di cancro al seno. La combinazione di melittina e docetaxel è stata estremamente efficiente nel ridurre la crescita del tumore nei topi“. Il professor Peter Klinken, capo scienziato dell’Australia occidentale, ha dichiarato nel comunicato: “Questa è un’osservazione incredibilmente emozionante che la melittina, un componente importante del veleno delle api, può sopprimere la crescita di cellule mortali del cancro al seno, in particolare il cancro al seno triplo negativo“.

Klinken ha anche detto: “Fornisce un altro meraviglioso esempio di dove i composti in natura possono essere usati per trattare le malattie umane“. Duffy ha anche affermato che il tipo di ape era particolare per le sue scoperte.Ho scoperto che l’ape europea in Australia, Irlanda e Inghilterra ha prodotto effetti quasi identici nel cancro al seno rispetto alle cellule normali. Tuttavia, il veleno di calabrone non è stato in grado di indurre la morte cellulare anche a concentrazioni molto elevate“. Il comunicato afferma che sono necessari studi futuri per valutare formalmente il metodo migliore per fornire la melittina, nonché le dosi massime tollerate e le potenziali tossicità.

Fonte: foxnews.com

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel). Inoltre è possibile seguire tutte le news anche sul gruppo Whatsapp di GloboChannel.com cliccando sul seguente link d’invito.

error: Non sei autorizzato a copiare questo materiale. Per richieste e/o chiarimenti puoi scriverci.